oms preoccupata per i dati sulle vaccinazioni in europa

Mentre la bella stagione è finalmente alle porte e si ragiona per le riaperture in sicurezza e il graduale ritorno alla normalità, l’Organizzazione Mondiale della Sanità avverte che i tassi di vaccinazione in Europa non sono ancora sufficienti per fermare una nuova ondata di contagi Covid.

Vaccino anti-Covid, Oms: “Raggiungere l’80% di copertura degli adulti

Le parole dell’Oms si riferiscono direttamente all’estate del 2020, quando un allentamento troppo precoce delle restrizioni contribuì a tenere alta la circolazione del coronavirus in Europa, ed esortano a non ripetere il medesimo errore in questi mesi che potrebbero essere decisivi per la lotta alla pandemia.

In particolare, è stato Hans Kluge, direttore regionale per l’Europa, a ricordare come “La distanza per raggiungere l’80% di copertura degli adulti resta considerevole“.

Da parte della Commissione Europea, tramite portavoce dell’Esecutivo Comunitario è arrivata la rassicurazione sulla consapevolezza del fatto che “Le vaccinazioni sono cruciali. E dobbiamo garantire il raggiungimento del target del 70% di adulti vaccinati nell’Ue per fine luglio. Lavoriamo duro con varie aziende che producono vaccini, per essere sicuri che in questo trimestre ed il prossimo siano fatte le consegne previste, in modo tale che ci siano” sieri “sufficienti affinché questo target sia raggiungibile.

Continuiamo a monitorare la situazione da vicino

Coronavirus, l’importanza dei piani vaccinali

A inserirsi in questo quadro potrebbe esserci il discorso relativo alle varianti e, in particolare, la variante Delta (quella indiana), che ha trovato terreno fertile in Inghilterra a causa del piano vaccinale inglese: nel Regno Unito, infatti, si è scelto di assicurare a più persone possibili la copertura della prima dose, procedendo quindi ai richiami per la seconda dose solo in un momento successivo.

La copertura della prima inoculazione, però, non sarebbe sufficiente a bloccare la trasmissione e l’infezione della variante Delta. In questo senso sarebbe importante tenere in considerazione gli obiettivi di una campagna vaccinale completa per garantire alla popolazione europea una soglia minima di sicurezza. Solo allora potrebbe essere sicuro procedere a ulteriori allentamenti sulle misure di sicurezza.

Approfondisci

AstraZeneca, un caso di trombosi ogni 100.000 in Italia: trovata una possibile cura per gli effetti collaterali