omicidio a Milano: uomo ucciso a coltellate, fermata la moglie

Omicidio a Milano: un uomo di 55 anni sarebbe stato ucciso a coltellate. Secondo quanto finora emerso, la vittima sarebbe stata colpita con un’arma da taglio e abbandonata agonizzante all’interno di un’auto in via Amantea. Trasportato in ospedale, sarebbe morto poco dopo. Gli inquirenti avrebbero fermato la moglie, trovata poco lontano dalla scena del crimine con alcune ferite e macchie di sangue.

Ucciso a coltellate a Milano: fermata la moglie

Il delitto si sarebbe consumato nel pomeriggio di oggi a Milano, vittima un 55enne. Secondo la prima ricostruzione, riporta Ansa, l’uomo sarebbe un commesso di un supermercato, incensurato, colpito con un’arma da taglio e lasciato in agonia all’interno di un’auto in via Amantea, all’angolo con via quinto Romano.

Dopo l’intervento dei Carabinieri sarebbe stato trasportato in ospedale, ma sarebbe deceduto poco dopo.

Nell’ambito delle indagini sull’omicidio, i militari avrebbero fermato una donna, che risulterebbe essere la moglie. Gli inquirenti l’avrebbero trovata a meno di un chilometro dal luogo in cui è stato soccorso il marito, con alcune ferite e i vestiti macchiati di sangue. Al momento sarebbe in stato di arresto, provvedimento disposto dalla Polizia giudiziaria in attesa di interrogatorio.

Ucciso a coltellate a Milano: la ricostruzione

La vittima sarebbe stata trovata agonizzante nell’auto, e avrebbe tentato disperatamente di attirare l’attenzione di qualcuno suonando ripetutamente il clacson. Il dramma si sarebbe consumato intorno alle 14.15, a bordo di una Seat Marbella di proprietà del. 55enne.

Testimoni avrebbero riferito di una presunta lite esplosa all’interno della vettura in cui poi i militari avrebbero trovato l’uomo ferito a morte. La posizione della moglie sarebbe ora al vaglio dei Carabinieri di Milano. Sul posto, oltre ai militari, sono intervenuti i sanitari del 118 con 2 ambulanze e un’automedica.

Vana la corsa all’ospedale San Carlo, dove l’uomo sarebbe stato trasportato in codice rosso con lesioni ritenute gravissime: sarebbe morto poco dopo essere stato soccorso e ricoverato in prognosi riservata. Le indagini sulla dinamica del delitto sono in corso.