due ragazzi annegati in un canale a Crema

Dramma a Crema, dove due ragazzi di 18 e 20 anni sono morti annegati in un canale. I soccorritori avrebbero scoperto prima uno dei corpi, il secondo dopo diverse ore di ricerche. Le vittime sarebbero una studentessa prossima a concludere l’esame di maturità e un ragazzo, la cui identità al momento non sarebbe stata resa nota.

Due ragazzi di 18 e 20 anni annegati in un canale a Crema: il ritrovamento

Le due vittime, riporta l’Ansa, sono due giovani di 18 e 20 anni, secondo quanto emerso sarebbero entrambi di nazionalità indiana e una di loro sarebbe una studentessa, il cui corpo sarebbe stato recuperato per primo, diverse ore fa, nelle acque del Canale Vacchelli a Crema.

Di poco fa la notizia del ritrovamento del secondo cadavere, appartenente a un ragazzo.

Stando alle informazioni trapelate finora, i due sarebbero annegati e le ipotesi in corso di valutazione sarebbero diverse. Chi indaga, riferisce l’agenzia di stampa, starebbe vagliando varie pista, anche se al momento quella più accreditata sarebbe quella di un incidente dovuto alle insidie del canale.

Ragazzi annegati a Crema: la prima ricostruzione

Sul posto l’intervento dei Carabinieri e dei Vigili del fuoco e le indagini sono ancora in corso.

Secondo quanto filtrato, l’ipotesi privilegiata è quella di un bagno fatale in quel tratto di canale, definito “il mare dei poveri“, che risulterebbe particolarmente insidioso per via della sua conformazione.

Lo riferisce ancora l’Ansa, che riporta anche ulteriori dettagli sulle vittime. La ragazza, Sakshi Panesar, sarebbe una studentessa dell’istituto “Galileo Galilei” di Crema, che giovedì prossimo avrebbe dovuto sostenere la maturità. A perdere la vita con lei sarebbe stato un suo amico. Allo stato attuale risulterebbe esclusa, per assenza di immediate evidenze, l’ipotesi di un gesto violento.

Gli investigatori riterrebbero verosimile lo scenario di un incidente. La tragedia si è verificata a poche ore da un altro terribile fatto di cronaca che ha coinvolto altri due giovani, travolti da un motoscafo sul Garda. Anche per loro nulla da fare, avevano 25 e 37 anni.