Cronaca

Stash indagato dalla procura di Milano: guai legali per il frontman dei The Kolors, parla il suo avvocato

Stash dei The Kolors sembra essere nei guai. Su di lui prenderebbero le accuse di ricettazione, per via del noleggio di alcune automobili tramite l'amica Sonia Carapezzi
Stash dei The Kolors adirato su Instagram per le angherie subite dalla figlia Grace: "Persona schifosa"

Nelle ultime ore, il frontman dei “The Kolors” noto al pubblico come Stash è entrato al centro di una questione tutt’altro che piacevole. Il cantante sarebbe infatti indagato per ricettazione, a causa di un contratto sottoscritto per il noleggio di due macchine di lusso. Il legale dell’artista si è espresso sull’accaduto per difendere il suo assistito.

Stash nei guai: le indagini per ricettazione

Nelle ultime ore ilgiorno.it ha diffuso una notizia che certamente non farà piacere ai fan di Stash, nome d’arte di Antonio Fiordispino.

Il frontman dei “The Kolors” sarebbe infatti indagato per ricettazione, per aver sottoscritto dei contratti per il noleggio di alcune automobili di lusso in passato. Nello specifico, il cantante avrebbe preso in affitto 2 Ferrari e una Maserati pagate da conti riconducibili alla ditta “Air Protech” di Magenta. Quest’ultima però si era vista sottrarre 3 milioni di euro da Sonia Carapezzi, 46enne che per 22 anni avrebbe lavorato come contabile e braccio destro dell’amministratore delegato dell’azienda.

Stando a quanto riporta il settimanale indipendente liberastampa.net, la Carapezzi sarebbe poi stata accusata dalla Procura di Milano di aver fatto confluire il denaro sui conti correnti della “Hysideis srl”.

Questo brand commercializza giubbotti in pelle e vestiti delle star e lei, come si legge anche sul suo profilo Instagram, ne è la titolare. Proprio questa azienda sarebbe stato il punto di congiunzione fra l’ex contabile e Stash. Il cantante avrebbe acquistato molti capi delle sue collezioni, arrivando a conoscere personalmente la stessa titolare.

Stash rigetta le accuse: completamente all’oscuro di tutto

In queste ore, il legale di Stash avrebbe comunicato che il suo assistito non è mai stato a conoscenza delle attività illecite della Carapezzi.

Come riporta liberastampa.net, l’udienza sarebbe fissata per metà luglio, giorno in cui il giudice per l’udienza preliminare di Milano dovrebbe decidere se rinviare a giudizio o prosciogliere gli indagati. In passato, Stash aveva scelto proprio i capi prodotti dall’azienda della Carapezzi per i suoi show e le sue apparizioni televisive, ma la loro collaborazione si era conclusa nel 2017. I due sarebbero comunque legati da un rapporto di amicizia.

Potrebbe interessarti