Bimba di cinque mesi soffocata da un sacchetto di plastica

Una bimba di appena cinque mesi originaria di Sassari si trova ricoverata in gravi condizioni dopo che la madre l’ha trovata con un sacchetto di plastica sulla testa. La piccola si trova ora ricoverata a Genova, mentre la procura di Sassari indaga per accertare le dinamiche della tragica vicenda.

Bimba di cinque mesi soffocata da un sacchetto di plastica

A riportare la notizia della bimba di cinque mesi soffocata da un sacchetto di plastica è stato il quotidiano La Nuova Sardegna. Stando alle prime ricostruzioni riportate, sarebbero stati i genitori a dare l’allarme dopo che la mamma era entrata nella camera della piccola trovandola agonizzante.

In attesa dell’arrivo dei soccorsi, la mamma avrebbe praticato per prima la rianimazione ma la bimba è rimasta incosciente persino dopo l’intervento dei soccorritori.

Trasportata in ospedale, prima al pronto soccorso pediatrico dell’Aou, sito in viale San Pietro, e poi presso il reparto rianimazione del Santissima Annunziata, dove è rimastsa in osservazione per 24 ore.

Bimba di Sassari trasferita al Gaslini di Genova

Il quadro clinico della bimba di cinque mesi soffocata da un sacchetto di plastica a Sassari è riasto grave, al punto da spingere i medici a decidere un trasferimento d’urgenza presso l’ospedale Gaslini di Genova.

Il trasporto, organizzato dalla prefetttura di Sassari, è avvenuto a bordo di un volo speciale dell’Aeronautica militare; ora la piccola si trova ancora ricoverata e lotta tra la vita e la morte.

La procura di Sassari ha aperto un’inchiesta a carico dei genitori

La procura di Sassari rappresentata dal sostituto procurato Paolo Piras ha aperto un’inchiesta sulla vicenda, iscrivendo entrambi i genitori nel registro degli indagati con l’ipotesi di reato di abbandono di minore. Non sarebbe però l’unico reato che starebbero valutando anche l’ipotesi di reato per lesioni gravissime.

Nella casa della famiglia sono già stati effettuati i sopralluoghi; la procura intende accertare quanto effettivamente la piccola sia rimasta senza controllo dei genitori.

Secondo quanto riferisce TgCom24, la mamma avrebbe raccontato di aver lasciato la figlia nel lettino e di essersi allontanata in un’altra stanza; insieme alla bimba c’era il fratellino di 4 anni e l’ipotesi sarebbe proprio quella che possa essere stato lui a infilare per gioco il sacchettino in testa alla bimba. La coppia si è trasferita da poco a Sassari e ha in tutto tre figli piccoli.