auto dei carabinieri

Brutale pestaggio a Mantova, dove due uomini sono stati aggrediti con mazze da baseball e spranghe di ferro da un gruppo di 5-6 persone. Il più giovane, un 23enne di nazionalità albanese, è morto questo pomeriggio, mentre resta in gravissime condizioni il 35enne italiano, seconda vittima dell’aggressione. Si indaga sui motivi di quella che, secondo le prime ricostruzioni, sarebbe stata una vera e propria missione punitiva, probabilmente per motivi di droga.

Pestaggio con mazze da baseball a Mantova: morto 23enne

Non c’è più nulla da fare per Atilio Drekai, 23 anni, per cui questo pomeriggio sono state avviate le procedure per dichiarare la morte cerebrale e staccare la spina dei macchinari.

Drekai è stato portato all’ospedale Carlo Poma di Mantova dopo essere stato aggredito insieme a Pier Francesco Ferrari, 35 anni, anche lui in fin di vita.

Il ricovero è stato necessario dopo il pestaggio avvenuto tra giovedì e venerdì notte, nel parcheggio del centro commerciale La Favorita, a Mottello, nei pressi di Mantova. I due sarebbero stati aggrediti con mazze da baseball e spranghe di ferro da circa 5-6 persone, che li avrebbero attirati in una parte poco sorvegliata del parcheggio.

Missione punitiva per motivi di droga

Secondo gli inquirenti, Atilio Drekai e Pier Francesco Ferrari sarebbero stati attirati in una trappola.

Avrebbero infatti ricevuto una telefonata per un appuntamento mentre si trovavano in bar di San Giorgio Bigarello, dove risiedevano. Si sarebbero quindi recati nel parcheggio del centro commerciale, a pochi chilometri di lontananza, cadendo vittime del brutale pestaggio. A chiamare i soccorsi un passante che avrebbe visto le vittime riverse a terre.

Ferrari avrebbe dei precedenti legati alla droga e, benché sarebbe questa l’ipotesi più accreditata, i carabinieri mantengono il massimo riserbo sulle indagini in merito alle dinamiche e ai motivi dell’aggressione, non escludendo alcuna pista.

Mantova, per l’aggressione ora si indaga per omicidio

L’ipotesi di reato, dopo la morte del 23enne cambia ora da tentato omicidio a omicidio. Il fascicolo è stato aperto contro ignoti, ma alcuni testimoni avrebbero fornito dettagli sugli aggressori. Indaga il Nucleo investigativo dei carabinieri di Mantova, con l’ausilio dei Ris che stanno analizzando il sangue trovato nel parcheggio del centro commerciale.