10 cose da vedere a Venezia

Venezia è sicuramente una città unica, apprezzata da turisti di tutto il mondo. È un luogo speciale, che sembra appartenere ad un’altra epoca con i suoi spazi che regalano scorci mozzafiato sull’arte e sulla nostra storia. Vediamo di seguito le 10 cose da fare e vedere nel capoluogo della Regione Veneto e nella sua laguna.

Venezia: i luoghi da vedere e le attività da svolgere nella città lagunare

  1. Piazza San Marco. Quando si parla di Venezia, ciò che viene subito in mente è Piazza San Marco. Quella definita da Napoleone “Il salone più bello d’Europa” è da sempre considerata il cuore pulsante di Venezia. Con la sua forma trapezoidale e lunghezza di 170 metri è lo spazio più ampio di una città per lo più composta da vicoli stretti. Per via della sua bellezza unica nel suo genere il solo passeggiare o sedersi a bere del caffè in uno dei bar al suo interno è da considerarsi un esperienza indimenticabile.
  2. Basilica di San Marco. Se si sta visitando piazza San Marco, non si può non essere colpiti dalla presenza della basilica. È un capolavoro assoluto dell’architettura, che merita di essere visitato per la ricchezza di decori, statue, dipinti e immagini sacre che riempiono lo sguardo.
  3. Palazzo Ducale. con la propria imponenza, contribuisce (assieme alla Basilica, il campanile e la torre dell’oro) a rendere Piazza San Marco uno luogo unico. È caratterizzato da un susseguirsi di sale una più bella dell’altra, decorate da statue ed affreschi di molti artisti tra cui Tiziano, Tintoretto e Veronesi. Visitandola non si può inoltre non rimanere colpiti dall’armeria e dall’atmosfera suggestiva regalata dalle prigioni.
  4. Campanile di San Marco. Oltre ad essere uno dei simboli più importanti è anche l’edificio più alto della città di Venezia. La sua visita comporta una salita con l’ascensore di circa 60 metri, consigliata per potersi godere una splendida vista dall’alto della Città e della laguna circostante.
  5. Canal Grande. Con i suoi 70 metri di larghezza attraversa Venezia per ben 4 chilometri dividendo il centro storico in due parti. È dunque suggerito partecipare al tour che permette di navigare al suo interno, per poter osservare da una prospettiva diversa questa splendida città.
  6. Ponte di Rialto. Dei 354 ponti di Venezia, questo (assieme al Ponte dei Sospiri) è certamente il più noto. Una meta immancabile per i turisti che vogliono godersi il panorama sul Canal Grande, o che desiderano attraversalo durante uno dei caratteristici giri in gondola.
  7. Le Gallerie dell’Accademia. Strutture che ospitano i dipinti più famosi e realizzate dai migliori artisti della storia Veneziana, Veneta e Italiana. La fama è dovuta all’esposizione (durante specifici periodi) al suo interno dell’Uomo Vitruviano disegnato da Leonardo da Vinci.
  8. Museo Peggy Guggenheim. Questo museo si trova all’Interno del palazzo Venier ed è una meta fondamentale per gli appassionati d’arte. Al suo interno si trova la più grande raccolta italiana dedicata all’arte contemporanea europea e americana dei primi anni del 900. Che può contare su opere di artisti come Picasso, Kandisnskij e Duchamp.
  9. Burano. Se ci si trova a Venezia, non si può non andare a visitare la stupenda isola, facilmente raggiungibile tramite i numerosi battelli pubblici. Quest’ultima è caratterizzata da case dei pescatori dai colori vivaci che regalano ai turisti uno spettacolo unico a cielo aperto.
  10. Murano. Quest’isola è famosa per la lunga tradizione della lavorazione del vetro. È da sempre visitata per il museo dedicato alla produzione vetraria nel corso dei secoli, e per acquistare i prestigiosi souvenir locali.

Venezia, i posti meno popolari da non farsi sfuggire

Dopo aver visitato Venezia per la prima volta, molti già pensano a quando vi faranno ritorno.

È impossibile non rimanere stregati dalla sua bellezza, e perciò si ha sempre l’impressione di non aver mai visto abbastanza. E i luoghi della Serenissima da scoprire, oltre ai grandi “classici” più iconici che vengono presi d’assalto ogni anno dai turisti, sono veramente tanti e tutti degni di attenzione.

Un posto meno comune, ma che merita di essere visitato, è sicuramente la Scala Contarini del Bovolo. Si tratta di una stupenda scala a chiocciola che, vista da fuori, ricorda la Torre di Pisa, e se percorsa fino al suo ultimo gradino regala un panorama mozzafiato della città.

Non si può non vedere anche la caratteristica Libreria Acqua Alta, che si distingue dalle altre per via dei volumi disposti su arredi galleggianti come gondole e vasche da bagno al posto delle classiche mensole. Particolari anche le terrazze esterne che danno verso il canale, con scalinate realizzate interamente con vecchie enciclopedie. Nelle vicinanze di questa libreria, si può inoltre scorgere l’unica casa di Venezia circondata dall’acqua su tre lati.

È consigliata inoltre la visione dello Squero di San Trovaso, storico cantiere navale risalente al XVII secolo che ospita ancora una sorta di officina per gondole tradizionali in legno, da osservare per poter apprezzare un mestiere unico tramandato di generazione in generazione. Non può mancare poi la visita alla Chiesa di San Zaccaria, che si distingue, dalle molte altre presenti a Venezia, per via della sua cripta costantemente allagata.