Cronaca dal Mondo

Omicidio Gianni Versace, nell’anniversario della sua morte scoperti due cadaveri nella sua villa: è giallo

A 24 anni dall'omicidio di Gianni Versace sono stati trovati 2 cadaveri in quella che fu la sua villa a Miami. Nuovo mistero sulla dimora dello stilista di origini calabresi
Gianni Versace Villa

È di nuovo giallo a Casa Casaurina, la villa di Miami in cui abitò Gianni Versace fino al momento del suo omicidio, avvenuto proprio di fronte all’ingresso della proprietà. Proprio mentre ricorrono i 24 anni dalla morte del noto stilista italiano, arriva dagli Stati Uniti la notizia del ritrovamento di due cadaveri all’interno della residenza. La polizia ha aperto le indagini.

Trovati morti nella villa di Gianni Versace: è mistero sui due cadaveri

Alle 13.20 di ieri (19.20 in Italia), la polizia di Miami è intervenuta nell’hotel Casa Casurina, dove sono stati ritrovati 2 uomini senza vita.

A fare la scoperta dei 2 cadaveri in una delle stanze della struttura sarebbero stati alcuni addetti alle pulizie. Come riporta la Nbc infatti, la polizia avrebbe aperto le indagini per morte. Attualmente non è noto se sui cadaveri siano state individuate ferite o contusioni, né è chiaro se la polizia stia considerando l’ipotesi di omicidio.

La residenza in cui sono stati ritrovati i due cadaveri è oggi adibita ad albergo, ma in passato è stata la storica dimora di Gianni Versace.

Lo stilista era stato ucciso proprio di fronte all’ingresso della sua sontuosa villa il 15 luglio 1997, esattamente 24 anni fa. Il ritrovamento dei due cadaveri riporta il mistero nella residenza.

Omicidio di Gianni Versace: 24 anni fa moriva lo stilista

Il 15 luglio 1997, Gianni Versace moriva proprio di fronte alla villa che in queste ore è al centro delle indagini per il ritrovamento dei due cadaveri. Lo stilista di origini calabresi viveva da tempo nella dimora di Miami Beach con il compagno Antonio D’Amico, il primo a soccorrerlo trovandolo a terra sulla gradinata d’ingresso della residenza.

Ad essere accusato dell’omicidio di Versace fu Andrew Cunanan, un tossicodipendente sospettato di aver assassinato in precedenza altre persone e da tempo ricercato. Lo stilista morì a causa di due colpi di pistola.

Cunan non dichiarò mai la sua colpevolezza, né venne mai processato perché fu trovato morto in una casa galleggiante sulla baia. Al tempo si ipotizzò che lui fosse stato ucciso e poi trasportato nel luogo in cui venne ritrovato. Il cadavere fu immediatamente cremato, rendendo impossibile l’autopsia.

Gianni Versace: i funerali al Duomo di Milano

Per Gianni Versace vennero organizzate due commemorazioni funebri.

La prima avvenne a Miami, il 18 luglio 1997. La seconda invece ebbe luogo nel pomeriggio del 22 luglio 1997, al Duomo di Milano. Per la triste occasione, giunsero nel capoluogo lombardo alcuni dei personaggi più noti e apprezzati del momento. Da Lady Diana a Naomi Campbell, da Elton John a Sting. Il corpo di Versace fu poi cremato a Miami e le ceneri vennero depositate nella tomba di famiglia, sul Lago di Como. Quando la villa comasca venne venduta, l’urna venne poi spostata nel cimitero di Moltrasio.

Villa Versace e Miami: la storia dopo l’omicidio

La villa di Gianni Versace a Miami era stata costruita nel 1930, secondo lo stile revival mediterraneo, su commissione di Alden Freeman.

Dopo essere appartenuta ad altri proprietari, nel 1992 venne acquistata da Gianni Versace che la restaurò e ampliò l’edificio aggiungendo l’ala sud e una piscina, rinnovandone completamente gli arredi.

Dopo il tragico decesso di Versaci, la sua casa venne convertita in boutique hotel, ristorante e spazio per eventi di lusso, venendo acquistata da differenti proprietari nel corso degli anni. Oggi è nota con il nome di La Magione o Casa Casaurina.

Potrebbe interessarti