Cronaca Italia

Davide Bristot muore nel sonno a 18 anni: rimandato a casa dall’ospedale la sera prima. Le parole del padre

Davide Bristot muore nel sonno ad appena 18 anni: era stato rimandato a casa dall'ospedale la sera prima. Le parole dolorose del padre
ambulanza

Davide Bristot aveva solo 18 anni, è morto nel sonno: a ritrovarlo senza vita è stata la mamma, mercoledì mattina, nel suo letto. Solo la sera prima il ragazzo era stato portato all’ospedale di Belluno. Aveva un forte mal di testa e sembra che avesse anche vomitato. Dopo la visita e una flebo, il 18enne sarebbe stato rimandato a casa. La Procura di Belluno ha aperto un’inchiesta e disposto l’autopsia.

La morte di Davide Bristot

Aveva appena finito il quarto anno all’istituto tecnico di Belluno, aveva giocava a volley, come è tradizione nella sua famiglia: il padre Paolo Bristot, infatti, ha militato in Serie A e il fratello Alessandro era in Albania per giocare con la Nazionale il campionato europeo Under 17.

Mercoledì mattina la madre l’ha trovato morto, e ora, dopo il suo decesso, è stata aperta una inchiesta dal sostituto Alberto Primavera, che ipotizza il reato di omicidio colposo. Le risposte sulla sua morte arriveranno con l’autopsia.

Le ore prima della morte di Davide Bristot

Stando a quanto riporta il Corriere della Sera, Davide era stato portato in ospedale con mal di testa e vomito.

Il dolore alla testa andava avanti da qualche giorno, pare, fino ad aggravarsi. Dopo aver vomitato, il 18enne viene accompagnato in ospedale dove viene visitato. Successivamente gli sarebbe stata somministrata una flebo, prima di rimandarlo poi a casa. Il padre non riesce a darsi pace: “Non sappiamo darci alcuna spiegazione per quel che è successo, mio figlio era sempre stato bene sembrava perfettamente sano“, riporta il Corriere.

L’intervento di Luca Zaia

Dopo la morte di Davide, è intervenuto anche il governatore Luca Zaia. In ospedale sarebbero stati inviati alcuni ispettori con il “compito di effettuare una verifica sulle modalità di assistenza ricevute dal ragazzo al pronto soccorso“.

Intanto l’Usl Dolomiti, in una note, fa sapere che: “La morte di Davide ha colpito la comunità locale e l’ospedale. Sono in corso indagini da parte della magistratura in cui si ripone la massima fiducia“.

Potrebbe interessarti