Cronaca Italia

Violenze sessuali e percosse su disabili psichici: la scoperta in una struttura del Nisseno

Abusi e violenze su disabili psichici ospiti di una struttura assistenziale vicino a Caltanissetta: la scoperta dei carabinieri
abusi su disabili psichici nel Nisseno

Un’indagine dei Carabinieri del Nas avrebbe portato alla scoperta di una struttura socio-assistenziale degli orrori nel Nisseno. Violenze sessuali, percosse, malnutrizione, abbandono di incapaci e somministrazione abusiva di farmaci sarebbero le ipotesi di reato a carico di 5 persone accusate di orribili condotte ai danni di disabili psichici ospiti di un centro di Serradifalco (Caltanissetta).

Violenze sessuali e percosse su disabili psichici: struttura del Nisseno sotto sequestro

L’inchiesta, coordinata dalla Procura nissena e relativa a presunti abusi e violenze all’interno di una struttura socio-assistenziale per disabili psichici di Serradifalco, si sarebbe conclusa con 5 misure cautelari personali nei confronti di titolari e dipendenti.

Lo riporta l’Ansa, secondo cui il centro, finito nel fuoco delle indagini dei Carabinieri del Nas, sarebbe ora sottoposto a sequestro all’esito dell’attività investigativa. I militari vi avrebbero scoperto casi di presunte violenze sessuali, percosse, malnutrizione, abbandono di incapaci e somministrazione abusiva di farmaci.

Violenze sessuali e percosse su disabili psichici: 5 misure cautelari

A conclusione dell’inchiesta, riferisce ancora l’agenzia di stampa, i Carabinieri del gruppo tutela della salute di Napoli e i militari del Comando provinciale nisseno avrebbero eseguito le 5 ordinanze cautelari personali nei confronti di altrettanti indagati, a vario titolo, di violenza sessuale aggravata, maltrattamenti, abbandono di incapaci ed esercizio abusivo della professione di infermiere. Una persona sarebbe finita in carcere, 2 ai domiciliari e 2 sarebbero state interdette dalla professione per un anno.

Secondo quanto riportato da TgCom24, le telecamere interne alla struttura avrebbero impresso sequenze drammatiche. In una di queste si vedrebbe un operatore che conduce per mano un disabile non vedente, lo fa sedere prima di accanirsi sul paziente con violenza e farlo inginocchiare. Nei filmati sarebbe emersa evidenza di diversi casi di violenza sessuale, da parte di uno solo degli indagati, nei confronti di un’anziana ospite affetta da disturbi psichici.

Potrebbe interessarti