News

Cadavere decomposto trovato in un seminterrato: appartiene a una ragazza scomparsa 3 anni fa

Il corpo di una diciannovenne scomparsa nel 2018 è stato ritrovato in stato di decomposizione nel seminterrato di un abitazione a Norman, Oklahoma. Le indagini sono attualmente in corso
Seminterrato

A Norman, in Oklahoma (Stati Uniti) è giallo per il ritrovamento del corpo di una giovane donna. Il cadavere è stato ritrovato nel seminterrato di un abitazione nei pressi dell’università. Il proprietario ha negato di essere a conoscenza di qualsiasi informazione. Già a maggio, la polizia aveva ricevuto indicazioni sulla presenza di un morto vicino all’istituto. Recenti accertamenti hanno portato al riconoscimento del corpo come appartenente a Maggie Sandoval, una diciannovenne scomparsa nel 2018.

Trovato un corpo in un seminterrato: appartiene a un’adolescente scomparsa

Margarita “Maggie” Sandoval aveva 19 anni quando nel 2018 è scomparsa improvvisamente senza lasciare traccia.

“Abbiamo capito che qualcosa non stava funzionando quando ha smesso di chiamare mia madre” ha spiegato sua sorella Taylor Hearon a Local News 9. Per ben 3 anni nessuno ha avuto sue notizie, ma in queste ore il ritrovamento di un corpo a Norman, in Oklahoma ha segnato la svolta nel misterioso caso.

Già a maggio, la polizia locale aveva ricevuto una “soffiata” sospetta, che segnalava la presenza di un cadavere in una delle abitazioni collocate nei pressi dell’università.

Nel seminterrato di una delle case, le autorità hanno trovato una grande scatola scura, all’interno della quale si trovavastato collocato un cadavere. Avvolto in molti strati di plastica pesante, circa 20-30 strati”, spiega News on 6. La polizia ha dapprima individuato del “liquido che colava dalla scatola”, seguito da “insetti” e da un forte “odore di decomposizione”.

Gli investigatori hanno riconosciuto il corpo come appartenente a Maggie Sandoval. Attualmente sono in corso le indagini per scoprire cos’abbia causato la morte della giovane.

Giallo sulla ragazza trovata morta: le parole della famiglia

Il proprietario della casa in cui il corpo di Maggie è stato trovato ha dichiarato di non essere a conoscenza della presenza del cadavere nel suo seminterrato. Per favorire le indagini, ha permesso alla polizia di effettuare i necessari accertamenti nella sua abitazione. Come riporta People, l’uomo si è trasferito nella casa nel 2019 e aveva permesso a un amico di sistemare alcune cose nel suo seminterrato. Da quanto emerge, quest’ultimo era un parente di Sandoval, che aveva vissuto ad un indirizzo in cui lei aveva ricevuto i pagamenti della previdenza sociale.

Maggie era affetta da disabilità mentale e aveva pertanto diritto all’ottenimento di questo denaro.

La sorella della defunta ha spiegato a Local News 9 che alcuni membri della loro famiglia volevano ottenere il denaro mensilmente ricevuto dalla ragazza. “Non posso credere che non appena ha compiuto 18 anni, tutti la vedevano semplicemente come un ‘simbolo di denaro’” ha commentato sconvolta Taylor.

Stando ancora alle informazioni riportate dalla testata, a febbraio 2018, Maggie aveva chiamato la polizia di Norman per denunciare gli abusi subiti dai suoi tutori: il fratellastro e la sorellastra.

Attualmente gli investigatori stanno seguendo molteplici piste, ma come spiega People non hanno ancora nominato dei sospetti legati alla morte.

Potrebbe interessarti