Cronaca Italia

Incendi in Aspromonte, il dramma dei familiari delle vittime. Patrimonio dell’Unesco a rischio: le immagini

In Calabria, l'Aspromonte è messo a rischio dagli incendi divampati negli ultimi giorni. C'è grande preoccupazione per le Foreste Vetuste, che sono riconosciute come patrimonio dell'Unesco. I familiari delle prime vittime dei roghi si sono detti fortemente amareggiati dallo scarso intervento dei soccorsi
Incendi aspromonte

Fra le zone duramente colpite dagli incendi che da settimane stanno preoccupando l’Italia c’è anche l’Aspromonte. Il massiccio montuoso dell’Appennino Calabro è stato colpito dalle fiamme e si teme per i disastrosi effetti su fauna e flora. Nel frattempo si contano già le prime vittime. C’è forte timore anche per le “Foreste Vetuste“, antiche faggete riconosciute dall’Unesco come patrimonio dell’umanità.

Incendi in Aspromonte: disastri ambientali e danni all’agricoltura

Lo scenario che si è creato negli ultimi giorni sull’Aspromonte ha cambiato completamente l’aspetto dell’attrazione naturalistica.

Le fiamme e la cenere hanno ricoperto il verde dei monti radendo al suolo interi boschi. Pinete, ulivi e foreste sono scomparsi a causa dei roghi e l’aria della zona è diventata irrespirabile. Come spiega La Gazzetta del Sud Online, l’incendio sarebbe iniziato a Bagaladi, sviluppandosi poi lungo la montagna.

I piccoli agricoltori e le aziende agricole locali stanno contando i danni che giorno dopo giorno si stanno accumulando sotto i loro occhi. Campi coltivati e piante dai preziosi frutti sono stati raggiunti dalle fiamme, che ne hanno causato la combustione, rendendoli inutilizzabili.

I cittadini stanno cercando di salvare le case e i terreni in cui sono cresciuti.

Incendi in Aspromonte: il dramma dei parenti delle vittime

Nella tragedia in Aspromonte si contano anche delle vittime. Fra queste vi sono Margherita e Antonino Cilione, morti nelle campagne di San Lorenzo. I loro familiari hanno parlato con La Gazzetta del Sud Online esprimendo grande delusione nei confronti delle istituzioni e dei soccorsi. “Ero una di quelle persone che credeva tantissimo nello Stato e nelle forze dell’ordine, ma dopo quello che è successo hanno ragione tutte quelle persone che dicono che lo Stato non esiste” ha commentato dura la figlia di Margherita Cilione.

“Le uniche persone che hanno aiutato erano civili e persone di Bagaladi ha aggiunto, spiegando che il personale delle onoranze funebri ha recuperato “con mezzi propri” sua madre e suo zio, Il nostro amico dell’onoranza funebre ha dovuto portare a casa con i mezzi propri mamma ed Antonino. “Se non ci fossero stati loro quest’ora saremmo ancora lì” ha osservato amaramente.

Incendi in Aspromonte: a rischio il patrimonio dell’Unesco

Gli incendi che stanno mettendo in ginocchio la Calabria rischiano di compromettere anche le “Foreste Vetuste“.

Questi boschi di faggi, o faggete, ricoprono un’area di circa 8 mila ettari e includono la zona del Gargano, del Pollino e dell’Aspromonte. Ora si teme che nella zona calabrese esemplari secolari vengano distrutti per sempre, così come avvenuto in Sardegna.

Come spiega il Corriere della Calabria, nonostante la rilevanza ambientale, storica e naturalistica dei boschi protetti dall’Unesco, la regione non sarebbe dotata di serie politiche forestali. La testata spiega inoltre che da anni il Governo regionale “programma” campagne antincendi a ridosso della stagione estiva, mostrandosi impreparato a far fronte alle fiamme.

Le immagini degli incendi in Aspromonte

Potrebbe interessarti