Cronaca Nera

Donna 37enne trovata morta in casa, poche ore dopo lo zio si suicida: è giallo a Castelfranco Veneto

A Castelfranco Veneto, la farmacista 37enne Serena Fasan è stata trovata morta in casa. Poche ore dopo il tragico ritrovamento, lo zio Simone Fasan (55 anni) si è suicidato gettandosi da un ponte.
mano morta ragazza

Castelfranco Veneto (Treviso), una farmacista di 37 anni, Serena Fasan, è stata trovata senza vita in casa sua. A trovarla è stato il compagno, allertato dal padre della donna preoccupato perché non rispondeva al cellulare. Poche ore dopo la scoperta del suo decesso, lo zio della vittima, Simone Fasan si è gettato da un ponte sul torrente Astego. È giallo sulle due morti.

Donna trovata morta in casa: si indaga sul tragico evento

È un episodio davvero drammatico quello avvenuto in queste ore a Castelfranco Veneto (Treviso) e riportato da OggiTreviso.

Serena Fasan, una farmacista di 37 anni, è stata trovata senza vita in casa dal compagno Matteo Piva attorno alle 18:30 del 25 agosto. Quest’ultimo era stato allertato dal padre della defunta, preoccupato perchè non riusciva a contattarla al cellulare. Al suo ingresso nell’abitazione, il fidanzato di Serena l’ha trovata riversa a terra nel corridoio. Di fianco al corpo è stato rinvenuto il suo cellulare, forse utilizzato per cercare di chiedere aiuto poco prima di morire.

Pensando a un malore, il compagno ha chiamato il 118, ma quando sono giunti sul posto i medici non hanno potuto che constatare il decesso della giovane farmacista.

Ora si indaga sulle cause della morte, che sembrerebbero essere parse poco chiare. I carabinieri del nucleo investigativo di Castelfranco Veneto cercheranno di scoprire se la quanto successo a Serena sia riconducibile a cause diverse dal malore.

Al momento non sarebbero stati trovati segni di violenza sul corpo della farmacista. TgCom24 spiega che sul collo della donna, trovata morta a pochi metri dal figlio (che dovrebbe avere 2 anni), siano state individuate delle piccole ecchimosi.

Si ipotizza però che questi segni siano stati lasciati da un vicino della donna, medico, chiamato a intervenire dal compagno, nel tentativo di rianimarla.

Le forze dell’ordine non avrebbero trovato nemmeno segni di effrazione nell’abitazione. Nella notte sono stati effettuati rilievi sul luogo del decesso. L’autopsia chiarirà le cause del decesso.

Lo zio della donna trovata morta si suicida: è giallo nel trevigiano

Al già triste evento se ne è aggiunto un secondo nel corso della stessa giornata. Lo zio 55enne di Serena Fasan si è tolto la vita gettandosi da un ponte a Pieve del Grappa, in zona Crespano.

I familiari della vittima avevano chiamato i carabinieri poiché non riuscivano più a mettersi in contatto con lui. Nella notte fra il 25 e il 26 agosto, le forze dell’ordine hanno trovato l’automobile di Simone Fasan in prossimità del ponte sul torrente Astego. Poco dopo è stato rinvenuto il corpo senza vita.

Come riportato da TgCom24, qualche ora prima di compiere questo disperato gesto lo zio di Serena aveva già tentato di togliersi la vita, cercando di impiccarsi in casa. A fermarlo sarebbe stato suo fratello Mirko. Attualmente sono molte le ipotesi al vaglio. C’è infatti chi crede che lo Simone Fasan non abbia retto al dolore per la morte della nipote, chi insinua sui social che “qualcosa non torna” e chi invece sostiene che le due vicende non siano legate.

Per quanto riguarda la morte di Serena, c’è chi teme possa essere stata un tragico effetto collaterale del vaccino anti-Covid, ma quest’ipotesi troverebbe poco seguito. La Fasan aveva ricevuto la seconda dose a maggio. Solo gli esiti degli esami sul cadavere della farmacista potranno fare chiarezza sul drammatico episodio.

Potrebbe interessarti