Economia

Bonus Cultura senza Isee, è l’ultimo giorno per richiederlo: come si ottiene e dove spenderlo

Ultima chiamata per il Bonus Cultura 2021: chi può richiederlo e dove si potrà spendere
bonus cultura senza isee come richiederlo

Il 31 agosto è l’ultimo giorno per richiedere il Bonus Cultura. L’iniziativa, lanciata nel 2016, ha l’obiettivo di incoraggiare tutti i diciottenni, a prescindere dal reddito familiare, a investire in cultura, tra libri, cinema, concerti, teatro e molto altro. Ecco come richiederlo e come spenderlo.

Bonus Cultura senza Isee, chi può richiederlo

Il termine ultimo per richiedere il Bonus Cultura è il 31 agosto 2021. I requisiti sono i seguenti:

  • Essere nati nel 2002;
  • Essere residenti in Italia, oppure essere in possesso di permesso di soggiorno.

Il Bonus Cultura vale 500€ e può essere speso fino al 28 febbraio 2022. Non è richiesto l’Isee per ottenerlo.

Bonus Cultura, come si fa per richiederlo

Per richiedere il Bonus Cultura è necessario procedere in modalità telematica, registrandosi su 18app tramite le proprie credenziali del Servizio Pubblico di identità Digitale SPID, entro il 31 agosto 2021. A registrazione completata si riceverà una mail di conferma e sarà possibile visualizzare il proprio portafoglio.

Bonus Cultura, come usarlo e dove spenderlo

Tramite 18app il richiedente può generare dei buoni spesa elettronici, dotati di codice identificativo e associati all’acquisto di un bene o di un servizio consentito.

Tali buoni possono essere stampati oppure salvati sui propri dispositivi e sono spendibili sia nei negozi fisici sia in quelli online, purché gli esercenti siano registrati sulla piattaforma 18app.

Ecco alcuni beni e servizi acquistabili con il Bonus Cultura:

  • Biglietti per rappresentazioni teatrali e cinematografiche, spettacoli dal vivo, musei, mostre ed eventi culturali, monumenti, gallerie, aree archeologiche, parchi naturali;
  • Libri;
  • Corsi di musica, teatro, lingua straniera;
  • Prodotti di editoria audiovisiva;
  • Abbonamenti a quotidiani, anche in formato digitale.

Ecco invece cosa non è consentito con il Bonus Cultura:

  • Vendere o cedere il buono, in parte o in tutto, a parenti e amici;
  • Acquistare più unità dello stesso bene o servizio (per esempio più biglietti per un concerto o più copie dello medesimo libro);
  • Ottenere il riaccredito del buono nel caso in cui un evento sia annullato o un articolo sia restituito;
  • Trasformare il Bonus in denaro;
  • Effettuare acquisti all’estero.

Potrebbe interessarti