Bandi

Concorso Agenzia delle Entrate, 2320 posti a tempo indeterminato: quali sono i profili ricercati e come presentare domanda

Bando di concorso pubblico per 2320 posti a tempo indeterminato presso l'Agenzia delle Entrate: ecco come fare domanda
concorso agenzia delle entrate tempo indeterminato

Nuovo bando di concorso per 2320 posti a tempo indeterminato presso l’Agenzia delle Entrate. L’annuncio è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale n.64 del 13/08/2021. Il profilo professionale ricercato è quello di Funzionario.

Concorso Agenzia delle Entrate: i requisiti

Per candidarsi, è necessario essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • cittadinanza italiana;
  • godimento dei diritti civili e politici;
  • essere in possesso di laurea triennale in: Scienze economiche, Scienze dell’Economia e della gestione aziendale; oppure diploma di laurea in: economia e commercio, giurisprudenza; oppure laurea triennale in: Scienze dei servizi giuridici; Scienze dell’Amministrazione e dell’Organizzazione Scienze dell’Economia e della gestione aziendale; laurea specialistica o magistrale equiparata ai suddetti diplomi di laurea;
  • non essere stati esclusi dall’elettorato politico attivo;
  • non essere stati destituiti o dispensati dall’impiego pressa una pubblica amministrazione, non essere stati dichiarati decaduti o licenziati da un impiego statale;
  • idoneità fisica.

Concorso per Funzionario: come fare domanda

La domanda di ammissione al concorso deve essere presentata esclusivamente per via telematica, mediante collegamento reperibile sul sito istituzionale dell’Agenzia delle Entrate.

Il candidato deve essere in possesso di un indirizzo di posta elettronica certificata PEC. Il termine ultimo per presentare domanda è il 30/09/2021.

Concorso: i dettagli e le materie delle prove d’esame

La procedura di selezione prevede le seguenti fasi.

Prova oggettiva attitudinale: consiste in una serie di quesiti a risposta multipla e mira ad accertare il possesso da parte del candidato delle attitudini e delle capacità di base necessarie per acquisire e sviluppare la professionalità richiesta.

Prova oggettiva tecnico-professionale. Consiste in una serie di quesiti a risposta multipla per accertare la conoscenza delle materie d’esame, in base alla professionalità messa a concorso:

  • economia aziendale;
  • ragioneria generale ed applicata;
  • bilancio e finanza aziendale;
  • pianificazione strategica, programmazione operativa, budgeting e controllo di gestione;
  • ragioneria pubblica e contabilità di stato;
  • elementi di statistica;
  • elementi di diritto tributario;
  • elementi di diritto commerciale;
  • elementi di scienza delle finanze;
  • elementi di diritto amministrativo;
  • diritto amministrativo;
  • diritto civile e commerciale;
  • diritto del lavoro;
  • diritto penale con particolare riferimento alla parte generale e ai reati contro la pubblica amministrazione e ai reati di falso in atti;
  • diritto tributario con particolar riferimento alla fiscalità internazionale;
  • diritto dell’Unione europea e diritto internazionale;
  • contabilità aziendale;
  • organizzazione e gestione aziendale;
  • inglese, di cui si chiede una conoscenza elevata.

Prova orale integrata da un tirocinio teorico-pratico: il tirocinio teorico-pratico si svolge presso gli uffici dell’Agenzia, in presenza o in modalità agile, ed è finalizzato a verificare nelle concrete situazioni di lavoro l’abilità del candidato ad applicare le proprie conoscenze alla soluzione di problemi operativi, nonché i comportamenti organizzativi.

La prova orale, che si svolgerà in videoconferenza da remoto o con modalità tradizionali (in presenza), verterà sulle materie d’esame.

Potrebbe interessarti