TV e Spettacolo

L’ora legale: la divertente commedia di Ficarra e Picone arriva su Canale5 sabato 4 settembre 2021

Ficarra e Picone, loro malgrado, istituiscono "l'ora legale" in uno sperduto paesino siciliano che ormai da tempo aveva perso ogni tipo di rispetto delle regole.
Ficarra e Picone

I due mattatori della risata Ficarra e Picone tornano su Canale5 con una delle loro commedie più riuscite. In L’ora legale i comici, attori e presentatori siciliani sono i protagonisti di una serie di equivoci che si tengono in una cittadina immaginaria della Sicilia in seguito all’elezione di un sindaco pronto a tutto pur di far seguire le regole in maniera civile. La trama ed il cast completo della pellicola.

L’ora legale: il cast del film

L’ora legale è una commedia del 2017 scritta, diretta ed interpretata dal duo comico composto da Salvatore Ficarra e Valentino Picone.

Questo è il quinto film che li vede impegnati dietro la macchina da presa come registi ed è sicuramente uno dei loro lavori più riusciti.

I due siciliani portano sugli schermi del pubblico una divertente commedia che fa una fotografia, a tratti in maniera disarmante, della loro terra, raccontando più i vizi che le virtù. Nel film i due prendono il ruolo di due soci in affari che gestiscono un baretto nella piazza di paese, dove entrambi sono cognati del neoeletto sindaco. L’attore Vincenzo Amato interpreta quest’ultimo ed ha tutto la voglia di riportare nella comunità la civiltà ed il rispetto delle regole ormai perdute da tempo.

Il cast degli attori si completa inoltre con Tony Sperandeo, l’indimenticato Gaetano Badalamente de I cento passi, con l’attore e comico Leo Gullotta ed infine con i divertenti Sergio Friscia ed Antonio Catania.

L’ora legale: la trama del film

I cittadini di Pietrammare, un comune immaginario sperduto nella Sicilia, hanno ormai perso da tempo ogni forma di regole e vivono di escamotage che vanno al di là della legge grazie ad una amministrazione che chiude un occhio.

Valentino e Picone, gestori di un bar senza licenza, intendono cavalcare l’onda a modo loro proponendo come futuro sindaco il cognato.

I due però sono ignari del fatto che all’elezione del cognato farà seguito un pugno duro contro tutte le malefatte del passato nel corretto rispetto delle regole che non solo spariglia i loro piani ma che di pari passo farà imbestialire tutta la popolazione, pronta a destituire il sindaco neoeletto.

Potrebbe interessarti