Cronaca Italia

Donna 27enne trovata morta in casa dal fidanzato, fermato un sospettato nella notte. L’uomo avrebbe confessato

Una donna 27enne è stata trovata morta nel veronese dal fidanzato. Le indagini hanno portato al fermo di un uomo in fuga sull'A1. Nella notte è arrivata la confessione.
Donna morta

Una 27enne veronese è stata trovata morta nella sera del 4 settembre nel suo appartamento. La donna viveva con il suo fidanzato, che ha scoperto il cadavere avvertendo le forze dell’ordine. Dopo ore di ricerche, la polizia ha fermato il presunto autore del femminicidio.

27enne trovata morta in casa: il dramma nel veronese

Nella sera di sabato 4 settembre, una 27enne è stata trovata morta in un appartamento a Calmasino di Bardolino (Verona). La donna avrebbe dovuto tornare al lavoro nel negozio della famiglia del compagno alle 18, ma non si è presentata.

Preoccupato, il fidanzato 22enne si è recato presso l’abitazione in cui conviveva con lei in tarda serata. Qui l’ha trovata senza vita, distesa sul pavimento con una chiazza di sangue sotto la testa.

Come riporta Tgr Veneto, una prima ricostruzione dei fatti ha permesso di sapere che la donna aveva finito il turno di lavoro nel negozio alle 14. Stando a quanto riferito, lasciato l’esercizio commerciale sarebbe poi rientrata a casa. I carabinieri stanno ascoltando le testimonianze di amici e parenti, per cercare di comprendere quanto avvenuto.

Il pm di turno, Eugenia Bertini, ha disposto l’autopsia sul corpo della defunta.

Donna uccisa nel veronese: il presunto responsabile confessa

Nella serata di ieri, la polizia stradale ha fermato un uomo presunto responsabile dell’omicidio della donna di 27 anni lungo il tratto fiorentino della A1. Come spiega l’Ansa, le pattuglie avrebbero intercettato l’uomo attorno alle 22.30, all’altezza del casello di Firenze Impruneta. Il sospettato stava percorrendo la A1 a bordo di una moto, in direzione Roma.

Stando a quanto si apprende, nella notte avrebbe confessato spontaneamente la sua colpevolezza.

L’uomo avrebbe condiviso le sue dichiarazioni alla presenza della polizia stradale e dei carabinieri di Verona. Sin da subito le forze dell’ordine avevano diretto le indagini verso l’ipotesi di omicidio. Resta tuttavia ancora da chiarire il motivo scatenante del gesto di estrema violenza.

In questi istanti, La Stampa ha riferito che il reo confesso sarebbe un vicino di casa della donna. Si attendono ulteriori dettagli.

Potrebbe interessarti