Bandi

Concorso ESTAR, 38 posti a tempo indeterminato: qual è il profilo ricercato e come presentare domanda

Bando pubblico per 38 assunzioni a tempo indeterminato. Tutti i dettagli sulle professionalità richieste, le modalità di candidatura e le materie da studiare
concorso estar tempo indeterminato

Nuovo bando di concorso per 38 posti a tempo indeterminato presso ESTAR – Ente di Supporto Tecnico Amministrativo Regionale, in Toscana. L’annuncio è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale n.69 del 31/08/2021. Il profilo professionale ricercato è quello di Dirigente Medico nella disciplina di Igiene, Epidemiologia e Sanità Pubblica.

Concorso ESTAR: i requisiti

Per candidarsi, è necessario essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • Cittadinanza europea;
  • godimento dei diritti civili e politici;
  • essere in possesso di laurea triennale in Medicina e Chirurgia;
  • Specializzazione in Igiene, Epidemiologia e Sanità Pubblica;
  • Iscrizione all’albo dell’Ordine dei Medici Chirurghi;
  • non essere stati esclusi dall’elettorato politico attivo;
  • non essere stati destituiti o dispensati dall’impiego pressa una pubblica amministrazione, non essere stati dichiarati decaduti o licenziati da un impiego statale;
  • idoneità fisica.

Concorso per Dirigente medico: come fare domanda

La domanda di ammissione al concorso deve essere presentata esclusivamente per via telematica, connettendosi al sito Estar e seguendo il percorso: concorsi → concorsi e selezioni in atto → concorsi pubblici → dirigenza, compilando lo specifico modulo online e seguendo le istruzioni per la compilazione ivi contenute.

Il candidato deve essere in possesso di un indirizzo di posta elettronica certificata PEC. Il termine ultimo per presentare domanda è il 30/09/2021.

Concorso: i dettagli e le materie delle prove d’esame

La procedura di selezione prevede una prova scritta, che consisterà in una relazione su caso clinico simulato o su argomenti inerenti alla disciplina messa a concorso o soluzione di una serie di quesiti a risposta sintetica inerenti alla disciplina stessa.

A seguire, una prova pratica vertente su:

  • tecniche e manualità peculiari della disciplina messa a concorso;
  • per le discipline dell’area chirurgica la prova, in relazione anche al numero dei candidati, si svolge su cadavere o materiale anatomico in sala autoptica, ovvero con altra modalità a giudizio insindacabile della commissione;
  • la prova pratica deve comunque essere anche illustrata schematicamente per iscritto;

Infine i candidati dovranno sostenere una prova orale sulle materie inerenti alla disciplina a concorso nonché sui compiti connessi alla funzione da conferire.

Potrebbe interessarti