Cronaca Nera

Napoli, anziana scompare nel nulla, poi la svolta: ritrovati resti umani in un borsone. Il figlio confessa

Un'anziana era scomparsa da giorni nel napoletano. I carabinieri trovano resti umani in un borsone e fermano il figlio, che confessa. L'avrebbe uccisa lui. Proseguono le indagini.
carabinieri davanti alle sbarre

Una donna di 85 anni era scomparsa a fine agosto e da tempo nessuno aveva più sue notizie. Ieri pomeriggio però è giunto l‘inaspettato epilogo: dentro a una grande busta sono stati trovati dei resti umani. Si tratta presumibilmente del cadavere dell’anziana. Il figlio di 47 anni avrebbe confessato.

Napoli, anziana scompare nel nulla: la svolta nelle indagini

Eleonora Di Vicino, di Pianura (Napoli) era scomparsa alla fine di agosto. Come spiega il Corriere della Sera, la donna di 85 anni non si trovava da qualche tempo e una conoscente aveva segnalato alle forze dell’ordine la sua sparizione.

Dopo giorni di vane ricerche, ieri pomeriggio è giunta una svolta inattesa nelle indagini.

Il figlio della donna, Eduardo Chiarolanza ha infatti fornito le indicazioni per il ritrovamento di un borsone all’interno del quale i carabinieri hanno trovato resti di un cadavere. Dopo la sconvolgente scoperta, l’uomo è stato sottoposto a fermo.

Anziana scompare a Napoli, trovati resti umani in un borsone: la confessione del figlio

Dopo il fermo, Eduardo Chiarolanza è stato sottoposto a un interrogatorio.

In seguito a molte domande, avrebbe ammesso di aver ucciso la madre. Secondo quanto riporta la fonte, il presunto omicida avrebbe problemi psichici e pare sia anche tossicodipendente. Inizialmente, spiega TgCom24 avrebbe smentito di sapere cosa fosse accaduto alla madre, ma in seguito a un crollo emotivo avrebbe confessato.

Anziana fatta a pezzi e chiusa in un borsone: la ricostruzione del delitto

Stando alle prime verifiche compiute dai militari del reparto scientifico, nell’appartamento della donna vi sarebbero delle tracce di sangue. Dunque è probabile che l’omicidio sia avvenuto proprio in questo luogo.

Come spiega il Corriere, le ricerche dei resti della povera anziana sarebbero complesse.

Il tempo trascorso dall’effettiva esecuzione del delitto renderebbe ancor meno semplici le indagini.

Solo ulteriori analisi sul Dna individuato sui resti potranno confermare la totale compatibilità degli stessi con Eleonora Di Vicino.

Potrebbe interessarti