TV e Spettacolo

Paolo Sorrentino in lacrime per il premio alla Mostra del Cinema: tutti i vincitori di Venezia 78

Gran Premio della Giuria per Paolo Sorrentino e il suo È stata la mano di Dio, presentato alla Mostra del Cinema di Venezia 78. Il regista è scoppiato in lacrime durante il discorso di premiazione
paolo sorrentino in lacrime a venezia 78

Paolo Sorrentino, regista premio Oscar per La Grande Bellezza, ha trionfato alla Mostra del Cinema di Venezia 2021 con il suo nuovo È stata la mano di Dio. Il regista non ha conquistato il Leone d’Oro, andato al film francese L’Événement sul tema dell’aborto, ma ha convinto la prestigiosa giuria a dargli il Gran Premio di categoria. Sorrentino è scoppiato in lacrime sul palco.

Venezia 78, premiato Paolo Sorrentino: il regista in lacrime

È un Sorrentino estremamente emozionato e a misura del film che lo ha portato su quel palco ieri sera, durante la premiazione della Mostra del Cinema di Venezia 2021.

È stata la mano di Dio, nuovo film del regista campano, è un film molto intimo e che attinge a piene mani dalla sua infanzia e adolescenza. E anche questo è emerso dalle sue parole, pronunciate con emozione dal palco: “Dovete avere un po’ di pazienza perché sono un po’ emozionato” ha esordito.

Poi, ha ringraziato per il Gran Premio della Giuria: “Volevo ringraziare la troupe che è stata eccezionale e mi ha aiutato in un film non facile e tutti i personaggi del film, i miei genitori, Maradona, i miei fratelli.

Volevo ringraziare mia moglie Daniela che sono vent’anni e passa che mi sopporta e mi vuole bene, i miei figli Anna e Carlo...”. E ancora: “Devo ringraziare quelli che mi hanno accolto da ragazzo che sono Antonio Capuano e Umberto Contarello ma soprattutto il mio primo produttore e il mio più caro amico Nicola Giuliano...” ed è qui che Sorrentino si è lasciato andare ad un momento di commozione.

Sorrentino si commuove sul palco di Venezia 78: il video

Nel suo discorso, spazio anche per ringraziare Diego Armando Maradona, ispirazione poetica del film: “Che ci crediate o no questo è il più grande premio, ottenere che Maradona vi ringrazi“.

Sorrentino ha poi continuato: “E poi un’altra scena che non c’era nel film: il giorno del funerale dei miei genitori – sembra triste, ma è addirittura allegra – il preside della mia scuola mandò solo una rappresentanza di quattro compagni di classe e non tutta la classe e io ci rimasi malissimo. Però oggi non ha più importanza, perché oggi è venuta tutta la classe che siete voi. Grazie, grazie mille“.

Guarda il video (dal minuto 2h 14′ 17”)

Venezia 78, tutti i vincitori della Mostra: trionfa L’Événement

C’è orgoglio nazionale per la vittoria di Paolo Sorrentino, ma il primo premio è andato al francese L’Événement della regista Audrey Diwan, che racconta la delicata e dolorosa storia di un aborto nella Francia degli anni ’60.

Tra i premiati anche l’attrice Penélope Cruz e un altro italiano, Il Buco di Michelangelo Frammartino, che si porta a casa il Premio Speciale della Giuria.

Qui l’elenco completo di tutti i i vincitori della 78° Mostra del Cinema di Venezia:

  • Leone d’oro al miglior film: L’Événement, regia di Audrey Diwan
  • Leone d’argento – Gran premio della giuria: È stata la mano di Dio, regia di Paolo Sorrentino
  • Leone d’argento per la miglior regia: Jane Campion per The Power of the Dog
  • Coppa Volpi per la migliore interpretazione femminile: Penélope Cruz per Madres Paralelas
  • Coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile: John Arcilla per On the Job 2: The Missing 8
  • Premio Osella per la migliore sceneggiatura: Maggie Gyllenhaal per The Lost Daughter
  • Premio speciale della giuria: Il buco, regia di Michelangelo Frammartino
  • Premio Marcello Mastroianni ad un attore o attrice emergente: Filippo Scotti per È stata la mano di Dio
  • Leone del Futuro – Premio opera prima Luigi De Laurentiis a Imaculat di Monica Stan e George Chiper-Lillemark
  • Premio Orizzonti per il miglior film a Pellegrinì di Laurynas Bareisa
  • Premio Orizzonti per la miglior regia a Eric Gravel per A plein temps
  • Premio speciale della giuria Orizzonti a El gran movimiento di Kiro Russo
  • Premio Orizzonti per la miglior attrice a Laure Calamy per A plein temps di Eric Gravel
  • Premio Orizzonti per il miglior attore a Piseth Chhun per Bodeng sar di Kavich Neang
  • Premio Orizzonti per la migliore sceneggiatura a 107 madri di Peter Kerekes
  • Premio Orizzonti per il miglior cortometraggio a Los huesos di Cristobal Leon e Joaquin Cocina
  • Premio ‘Venice Vr Expanded a David Adler per End of night
  • Premio spettatori Armani Beauty a Il cieco che non voleva vedere Titanic

Potrebbe interessarti