Economia

Bollette, in arrivo aumenti di luce e gas fino al 30%: tutte le accortezze da seguire per risparmiare

Sarebbero in arrivo nuovi rincari per le bollette di luce e gas. Seguendo alcune accortezze, però, sarà possibile continuare a risparmiare: ecco che cosa fare
rincari bollette come risparmiare

Dopo gli aumenti in bolletta del 1° luglio, anche l’autunno sembra destinato a confermare una crescita importante dei costi. Le stime parlano di rincari del 20% per la luce e del 30% per il gas. Ci sono però delle accortezze da seguire per ottenere dei risparmi in bolletta, ecco quali.

Aumentano le bollette, cosa fare per risparmiare

Il 1° ottobre l’Autorità Arera stabilirà le tariffe che saranno applicate ai consumatori per l’ultimo trimestre del 2021. La principale concausa dell’aumento in bolletta sarebbe da ricercarsi nei prezzi maggiorati delle materie prime, in particolare gas e petrolio, che hanno già fatto incrementare i prezzi del trimestre luglio-settembre 2021.

L’Arera ha realizzato un comparatore pubblico, attivo dal 1° luglio 2018, che consente di confrontare e scegliere le offerte di elettricità e gas. La piattaforma è realizzata e gestita dall’Acquirente Unico, sulla base di quanto disposto dall’Arera. Si tratta di un motore di ricerca in cui è necessario inserire alcune informazioni reperibili in bolletta, tra le quali il consumo annuo di gas e/o energia elettrica, il codice di avviamento postale e il consumo per fasce orarie per l’elettricità.

Bollette, le accortezze per risparmiare

Oltre ad avvalersi di strumenti di confronto, ecco altre modalità con cui è possibile risparmiare sulle bollette:

  • spegnere le luci nelle stanze vuote;
  • regolare lo scaldabagno a diverse temperature in estate ed inverno;
  • regolare il termostato non oltre i 21°, temperatura oltre la quale gli aumenti in bolletta potrebbero essere significativi;
  • scegliere lampadine a basso consumo o a led;
  • effettuare i lavaggi di panni e stoviglie con i rispettivi elettrodomestici a pieno carico;
  • non lasciare gli apparecchi in standby;
  • preferire gli elettrodomestici di classi energetiche più alte, come A+ o A++;
  • non coprire i termosifoni con tende o pannelli;
  • prestare attenzione alla fasce di consumo ed utilizzare gli elettrodomestici in quella in cui il prezzo dell’energia è più basso;
  • effettuare una revisione periodica della caldaia, per correggerne eventuali malfunzionamenti.
  • utilizzare i comparatori web;
  • verificare i propri consumi di luce e gas. L’Arera ha ideato il Portale Consumi, attivo dal 1° luglio del 2019, che consente agli utenti di consultare i propri dati di consumo storici, elettrici e gas. Si accede tramite Sistema Pubblico di Identità Digitale SPID e permette di visionare le informazioni sui propri contratti di luce e gas e i dettagli sui consumi;
  • aderire a un gruppo d’acquisto. Tali gruppi si propongono di selezionare uno o più venditori per la fornitura di energia elettrica e/o gas naturale, in favore delle persone riunite nel gruppo. Selezionano le offerte commerciali più vantaggiose e le propongono ai propri membri, i quali possono stipulare il proprio contratto di fornitura con il venditore alle condizioni stabilite. L’Arera ha definito delle regole per i gruppi di acquisto e fornisce un elenco di aderenti accreditati.

Approfondisci

Bollette, cosa succede quando aumentano i costi delle materie prime: potrebbero arrivare nuovi rincari

Potrebbe interessarti