Economia

Bollette in rialzo, il Governo lavora a nuovi provvedimenti: sarebbe in arrivo anche un nuovo bonus

Il 1° ottobre è la data entro la quale si attendono gli aumenti in bolletta per luce e gas. Il Governo sta discutendo i provvedimenti per contenere i rincari e presto potrebbe far partire un nuovo bonus
aumento bollette, nuovo bonus in arrivo

Oggi sono attesi i provvedimenti anti-stangata per ammortizzare il rincaro sulle bollette di luce e gas, atteso per il 1° ottobre. L’obiettivo sembra essere quello di lavorare in anticipo per arrivare con alcuni strumenti già pronti per tempo. Ecco cosa starebbe progettando il Governo in queste ore.

Bollette in aumento, potrebbe arrivare un nuovo bonus

Tra gli interventi che potrebbero essere attuati ci sarebbe quello di un extra bonus, da affiancare a quello già esistente sulle bollette.

Il nuovo bonus costituirebbe un intervento da quasi 3.000.000.000€ e vedrebbe come beneficiari:

  • Famiglie che percepiscono il reddito di cittadinanza;
  • Famiglie con uno o più membri in gravi condizioni di salute, che necessitano macchinari alimentati con energia elettrica.

Per quanto riguarda il bonus bolletta già esistente, è probabile che possa essere esteso. Al momento i destinatari di tale bonus, attivo dal 1° luglio, sono:

  • Le famiglie con Isee non superiore a 8.265€;
  • Le famiglie numerose con Isee non superiore a 20.000€;
  • Titolari di reddito di cittadinanza o pensione di cittadinanza.

Il bonus bolletta è già riconosciuto in automatico e si applica e luce, gas e acqua.

Aumenti in bolletta: cosa sono gli oneri di sistema

Il Governo sarebbe al lavoro anche per tagliare gli oneri di sistema, che costituiscono una voce importante nel costo delle bollette. Rappresentano infatti circa il 20% del totale della fattura e sono stabiliti dall’Arera (Autorità Energia Elettrica e Gas). Gli oneri di sistema sono destinati a:

  • coprire i costi delle agevolazioni per le imprese che consumano molta energia nel loro ciclo produttivo;
  • aiutare le famiglie in stato di difficoltà attraverso i bonus energia;
  • coprire le spese per gli incentivi all’uso di energia da fonti rinnovabili.

Bollette in rialzo, si propone il taglio dell’Iva

Ancora in fase di discussione è il taglio dell’Iva, che potrebbe riguardare solo il gas. L’aliquota varia dal 10% al 22% in base al consumo annuale ed è in fase di valutazione un abbassamento al 5% o 10% in base alle fasce di consumo. Rispetto all’elettricità, il gas incide per il 35,6% sulla bolletta, come evidenzia il Sole24Ore, includendo anche le accise e le addizionali regionali.

Potrebbe interessarti