Politica

Trattativa Stato-Mafia, arrivata la sentenza in appello per Dell’Utri, Mori, De Donno e Subranni

La decisione dei giudici è arrivata dopo tre giorni di camera di consiglio, La sentenza è stata letta nell'aula bunker dell'Ucciardone alla presenza dei legali della difesa e della procura. Assenti gli imputati
Trattativa Stato Mafia arriva la sentenza in appello

Trattativa Stato-Mafia, è arrivata la sentenza della corte d’Assise d’Appello di Palermo per gli imputati Marcello Dell’Utri, e gli ex ufficiali del Ros Mori, De Donno e Subranni. L’accusa era quella di minaccia al Corpo politico dello Stato, che gli era valsa una condanna in primo grado.

I giudici hanno deciso anche in merito al pentito Giovanni Brusca, al boss Leoluca Bagarella e il capomafia Nino Cinà.

Trattativa Stato-Mafia: la sentenza della corte d’Assise d’Appello di Palermo

Dopo tre giorni di camera di consiglio i giudici della Corte d’Assise d’Appello di Palermo si sono espressi in merito agli imputati Marcello Dell’Utri e i tre ex Ros Mori, De Donno e Subranni.

Una decisione arrivata a quasi due anni e mezzo dall’inizio del processo di Appello e che ora ha visto tutti e quattro gli imputati assolti in quanto il reato non sussiste.

Nell’aula bunker dell’Ucciardone di Palermo erano presenti i sostituti procuratori generali Sergio Barbiera e Giuseppe Fici, gli avvocati della difesa e il collegio presieduto dal giudice Angelo Pellino e a latere Vittorio Anania che ha letto la sentenza; assenti invece gli imputati.

La procura di Palermo aveva chiesto nella requisitoria la conferma delle condanne inflitte in primo grado a boss, ex carabinieri e politici imputati di minaccia a Corpo politico dello Stato, in quanto non esiste in giurisprudenza il reato di Trattativa Stato-Mafia.

Nella sentenza sono state dichiarate prescritte le accuse a Giovanni Brusca, mentre è stata ridotta al boss Leoluca Bagarella; confermata invece la condanna al capomafia Nino Cinà.

La Trattativa Stato-Mafia

Con Trattativa Stato-Mafia si intende i contatti che secondo la sentenza in primo grado, letta il 20 aprile 2018, sono avvenuti tra esponenti delle Istituzioni e rappresentanti di Cosa Nostra a partire dal 1992, successivamente all’omicidio dell’onorevole Salvo Lima.

La Trattativa è stata poi portata avanti a partire dalla stagione stragista, dove, tra le vittime si annoverano i giudici Falcone e Borsellino.

La trattativa Stato-mafia sarebbe stato quindi il frutto di un ricatto della mafia esercitato attraverso le stragi, al fine di costringere lo Stato a un compromesso.

Le sentenze in primo grado

In primo grado Dell’Utri, Mori e Subranni, insieme al medico di Totò Riina, Antonio Cinà, erano stati condannati a 12 anni di carcere ciascuno.

8 anni invece per De Donno.

Potrebbe interessarti