Cronaca Nera

Bimbo di due anni morto a Perugia in un supermercato: la madre in caserma, si indaga per omicidio

Tragedia in un supermercato di Città della Pieve: una donna è entrata con il corpo del figlio con numerose ferite da taglio in braccio e l'ha adagiato sui nastri delle casse. Il bimbo è morto: si indaga per omicidio
bimbo morto in un supermercato a perugia

Tragedia a Città della Pieve, dove in un supermercato è morto un bambino di due anni. Il suo corpo sarebbe stato portato all’interno del negozio da quella che dovrebbe essere la madre e presenterebbe numerose ferite da taglio, motivo per cui la donna è stata fermata e la Procura ha immediatamente aperto un fascicolo per omicidio.

Bimbo morto in un supermercato: il corpo adagiato sui nastri trasportatori

La drammatica vicenda è avvenuta attorno alle 15.30 di oggi, venerdì 1 ottobre 2021, in un supermercato di Po Bandino, frazione frazione di Città della Pieve (Perugia).

Qui una madre avrebbe scatenato il panico entrando nel supermercato col corpo di un bambino di due anni in braccio: il piccolo avrebbe presentato numerose ferite di arma da taglio sul collo e sul torace. La madre, una donna 44enne di origini ungheresi, avrebbe quindi adagiato il corpo del figlio sul nastro trasportatore della cassa.

Dopo il panico iniziale, è scattata la chiamata ai soccorsi ma nel tempo in cui sono arrivati al supermercato per il bambino non ci sarebbe stato nulla da fare: sarebbe arrivato già deceduto.

I Carabinieri accorsi sul posto hanno trovato poco distanti il passeggino e la presunta arma del delitto.

Bimbo morto al supermercato: si indaga per omicidio

Il coltello con cui sarebbe stato ucciso il bimbo di 2 anni è stato trovato vicino ad un edificio diroccato a poca distanza. Quando la madre è entrata nel supermercato col corpo del figlio in braccio, viene riferito fosse in stato confusionale: anche per questo i Carabinieri hanno fermato la 44enne che dimorerebbe a Chiusi (Siena) da un conoscente. La donna è stata portata nella caserma di Città della Pieve per far luce sulla tremenda vicenda: secondo quanto riferito, avrebbe dato versioni contrastanti sulla dinamica degli eventi.

La Procura, intanto, ha aperto un fascicolo per omicidio. Assieme a lei, ci sarebbe stato anche il marito e padre del bimbo.

Il sindaco della cittadina umbra Fausto Risini, citano le fonti, ha parlato di “grande tragedia accaduta in un centro piccolo e tranquillo, ora sconvolto“. Città della Pieve e soprattutto i clienti e gli addetti del supermercato che hanno visto poggiare il corpo martoriato del bimbo di 2 anni sulla cassa, hanno infatti assistito ad uno scenario tremendo e indimenticabile.

Potrebbe interessarti