Politica

Il cancelliere austriaco Sebastian Kurz accusato di corruzione. Annunciate le dimissioni immediate

Il cancelliere austriaco Sebastian Kurz si dimette dopo 4 anni dall'inizio del suo mandato. La decisione dopo le pressioni del gruppo dei Verdi a seguito delle accuse di corruzione
Il cancelliere austriaco Kurz si dimette

Il cancelliere austriaco Sebastian Kurz ha annunciato che darà le dimissioni. La decisione è arrivata a pochi giorni dallo scandalo che lo vede protagonista su irregolarità nei finanziamenti con fondi pubblici e le accuse di corruzione. Il cancelliere austriaco, eletto nel 2017, non avrebbe voluto dimettersi ma alla fine si è visto costretto a prendere questa decisione, indicando il suo successore.

Il cancelliere austriaco Sebastian Kurz si dimette

Il cancelliere austriaco Sebastian Kurz ha annunciato che darà le dimissioni a seguito dello scandalo corruzione che lo ha travolto.

Kurz ha detto che non lascerà la politica, resterà come capogruppo del suo partito, l’Oevp, nonchè leader.

Il cancelliere dimissionario ha già indivuato il suo successore, si tratterebbe dell’attuale ministro degli Esteri Alexander Schallenberg.

Le pressioni interne al governo austriaco

Attualmente il governo austriaco si basa su una coalizione tra Oevp e Verdi. Sebastian Kurz non sembrava intenzionato a dimettersi, tant’è che il suo stesso partito si era stretto intorno a lui nel momento in cui è emerso lo scandalo.

Sarebbero stati i verdi fare pressioni affinché Kurz si dimettesse per essere sostituito da “Una persona irreprensibile“.

La decisione delle dimissioni è poi arrivata pochi giorni prima che l’opposizione presentasse una mozione di sfiducia in Parlamento.

Le accuse al cancelleriere austriaco uscente Sebastian Kurz

Nei giorni scorsi Sebastian Kurz e alcuni suoi stretti collaboratori del partito Oevp è risultato indagato per favoreggiamento alla corruzione. I fatti riguarderebbero alcuni sondaggi pubblicati sul quotidiano Oesterreich e sulla tv privata oe24, pagati con fondi stanziati dal ministero delle Finanze.

I sondaggi avrebbero avuto scopo esclusivamente politico, per assicurare l’ascesa del giovane cancelliere.

Kurz come il partito Oevp hanno fin da subito respinto le accuse, specificando che l’inchiesta risalirebbe ad un momento in cui Sebastian Kurz non era neanche in corsa per l’elezione a cancelliere. Al momento però le indagini proseguono, sono state effettuate perquisizioni nella sede della Cancelleria e in quella dell’Oevp.

Potrebbe interessarti