Cronaca Italia

Donna di 30 anni cade dal balcone della casa del fidanzato e muore: precipitata da 12 metri, è giallo

Sarebbe un giallo la morte di una 30enne a Potenza, caduta dal balcone dell'abitazione del fidanzato al quarto piano di una palazzina. La vittima avrebbe fatto un volo di 12 metri
30enne cade dal balcone di casa del fidanzato e muore a Potenza

Una donna di 30 anni è morta dopo essere caduta dal balcone dell’abitazione del fidanzato, al quarto piano di una palazzina a Potenza. Secondo quanto finora ricostruito, la vittima sarebbe precipitata da un’altezza di circa 12 metri in via Di Giura, rione Parco Aurora, e le indagini dei Carabinieri sono in corso. Al momento non sarebbe esclusa alcuna ipotesi.

Donna di 30 anni cade dal balcone della casa del fidanzato e muore a Potenza

Stando alle informazioni emerse sulla tragedia, la vittima, Dora Lagreca, aveva 30 anni ed era originaria di Salerno.

Nelle ore successive al decesso, avvenuto nella notte tra venerdì e sabato scorsi a Potenza, sono trapelati alcuni dettagli sulla dinamica. La giovane sarebbe caduta da un’altezza di circa 12 metri, precipitata dal balcone al quarto piano di una palazzina della città, in via Di Giura, che corrisponderebbe alla abitazione del fidanzato. Quest’ultimo, non indagato, avrebbe trascorso la serata con la 30enne e sarebbe stato lui stesso ad allertare soccorsi e carabinieri dopo il dramma. Sul posto l’intervento del 118 e i militari del Comando provinciale che, riferisce Ansa, starebbero ascoltando parenti e amici della donna.

La 30enne sarebbe morta poco dopo il trasporto al Pronto soccorso dell’ospedale San Carlo.

Morta dopo una caduta dal balcone a Potenza: indagini sul caso di Dora Lagreca

Secondo quanto riferito dall’Ansa poco dopo l’accaduto, una prima ipotesi sul tavolo investigativo rimanderebbe a un presunto suicidio (scenario che famiglia e amici avrebbero dichiarato inverosimile), ma nelle ultime ore diverse fonti indicano che nessuna pista sarebbe al momento esclusa. L’autopsia sul corpo di Dora Lagreca, che sarebbe stata fissata per la giornata di martedì, potrebbe fornire preziosi elementi utili a restituire un quadro più nitido alle indagini.

Allo stato attuale, il caso avrebbe ancora i contorni del giallo. Prima della tragedia, la 30enne avrebbe pubblicato su Instagram diverse immagini a resoconto della sua serata fuori casa in compagnia del fidanzato ed è mistero su cosa sia successo in seguito. Il fidanzato della ragazza, secondo quanto scrive Il Mattino, avrebbe parlato agli inquirenti di una lite di coppia precedente alla caduta, ma si tratterebbe di una indiscrezione attualmente priva di conferma.

Al vaglio delle autorità, in queste ore, ci sarebbero anche alcuni contenuti condivisi dalla 30enne su Facebook. In particolare, si starebbero valutando post relativi alla lotta alla violenza sulle donne. In uno di questi, postato dalla pagina “Non una di meno – Gubbio” e condiviso dalla giovane il 5 ottobre scorso, si legge il seguente passaggio: “La maggior parte delle violenze non sono commesse da un tipo col passamontagna che aspetta dietro l’angolo. Sono attuate da una persona conosciuta…“. Le indagini proseguono.

Potrebbe interessarti