Chi è

Marco Simoncelli, 10 anni dalla tragica morte dell’amato pilota di MotoGP: la carriera e il fatale incidente

Marco Simoncelli è morto a Sepang dieci anni fa. Tutti i dettagli sulla sua vita, dalla nascita, alla carriera lampo, fino al tragico incidente e i tributi al pilota italiano
10 anni dalla morte di marco simoncelli

Uno tra i piloti che più hanno lasciato il segno nei tifosi della MotoGP, anche senza aver conquistato molte vittorie, è indubbiamente Marco Simoncelli. Il pilota italiano ha avuto una carriera breve ma brillante, conclusasi in modo tragico, Infatti, Marco Simoncelli, affettuosamente chiamato da tutti il Sic, ha perso la vita dieci anni fa, il 23 ottobre 2011 sul circuito di Sepang, durante il Gran Premio di Malesia.

Il pilota stava disputando una gara del suo secondo campionato mondiale nella massima competizione del MotoGP, dopo essersi fatto valere nelle competizioni minori. Il ricordo di Marco Simoncelli, a distanza di dieci anni dalla tragica morte, è ancora vivo nel paddock e nel cuore dei tifosi.

Marco Simoncelli, 10 anni dopo: le vittorie del pilota di MotoGP

Marco Simoncelli ci ha lasciato ben 10 anni fa. La sua tragica ultima gara, infatti, ha avuto luogo il 23 ottobre 2011 a Sepang. Si trattava di una competizione in cui il pilota italiano era tra i favoriti, ma, purtroppo, il destino è stato del tutto diverso.

Marco Simoncelli nel 2011 era solo alla sua seconda stagione nella massima competizione della MotoGP.

Ma la passione per i motori del compianto pilota è iniziata già in periodo infantile. Nato il 20 gennaio 1987, già a sette anni, Marco Simoncelli comincia a gareggiare su una minimoto e, a dodici anni, è già campione italiano. La carriera del pilota corre quanto la sua moto in pista e il Sic comincia a gareggiare con le moto classe 125. Tre anni dopo, a soli 15 anni, lo sportivo diventa campione d’Europa in questa classe minore, era il 2002. Il primo podio nella competizione 125 arriva già a 17 anni.

La bravura di Marco Simoncelli è così evidente, che nel 2006 il pilota passa alla categoria 250.

Solo due anni dopo, Marco Simoncelli è campione del mondo. Nel 2010 approda alla massima competizione della MotoGP, come pilota del team San Carlo Gresini. Disputerà tutta la stagione 2010 e parte della 2011, interrotta tragicamente nel suo momento migliore. Infatti, Marco Simoncelli, poco prima del weekend fatidico, aveva conquistato il suo primo podio nella massima competizione. La corsa di un talento promettente che è stata interrotta troppo presto.

Marco Simoncelli, 10 anni fa il tragico incidente: la dinamica

Marco Simoncelli ha perso la vita 10 anni fa, a soli 24 anni.

Era il 23 ottobre 2011 e il pilota stava disputando il Gran Premio della Malesia a Sepang. Si tratta di una pista cara al giovane pilota italiano, che proprio qui era stato incoronato, qualche anno prima, campione del mondo nella competizione delle moto 250. Erano le battute finali del campionato e il Sic partiva da una buona posizione. Infatti, lo sportivo quella tragica gara l’ha cominciata dalla seconda fila.

Solo al secondo giro è arrivata la tragedia alla Curva 11. Il pilota stava percorrendo una traiettoria esterna, quando ha perso la ruota davanti.

Probabilmente il Sic ha provato a restare in sella e la due ruote, invece di scivolare fuori dalla pista, è caduta verso la traiettoria interna. Sfortunatamente, sopraggiungevano Colin Edwards e Valentino Rossi, che hanno travolto il giovane pilota italiano. La velocità, in una competizione del genere, è così elevata che i due piloti non potevano in nessun modo evitare il collega.

Marco Simoncelli è rimasto steso a terra e si è temuto subito il peggio. Alle 16:56 ora locale è stato constatato il decesso nella commozione generale, alla presenza del padre Paolo e della fidanzata Kate, presente nel box.

Probabilmente la tragica eventualità è scaturita dalla stessa voglia di combattere del pilota che si autodefiniva: “Un pilota che non molla mai“.

Marco Simoncelli: la morte 10 anni fa ma il ricordo resta

La morte, dieci anni fa, di Marco Simoncelli ha sconvolto tutto il mondo del Motorsport. Molti i tributi che gli sono stati riconosciuti. Il funerale, che ha avuto luogo nella sua Coriano venne trasmesso in diretta sia dalla Rai, che da Mediaset e da Sky. Il papà Paolo Simoncelli ha fondato nel 2013 in suo onore una squadra di corse, la SIC58 Squadra Corse e anche la Fondazione Simoncelli Onlus. Nella città natale è stato istituito il Museo di Marco Simoncelli e la Casa Marco Simoncelli, per ricordare tutte le sue imprese sportive e il suo calore umano.

Il numero 58, quello con cui gareggiava il pilota italiano, è stato ritirato e non potrà più essere scelto per gareggiare. Nel 2014 Marco Simoncelli è anche entrato nella Hall of Fame della MotoGP, come solo le leggende di questo sport. Il tributo più grande è arrivato, però, il 9 giugno 2012, In questa data gli è stato dedicato il Circuito di Misano, che, adesso si chiama “Misano World Circuit Marco Simoncelli“.

Anche in occasione del decimo anniversario della sua morte i piloti e tutti gli addetti ai lavori ricorderanno Marco Simoncelli nel circuito di Misano. Proprio qui si disputerà il Gran Premio dell’Emilia-Romagna e verrà piantata una quercia in onore del compianto pilota, amato sia per la sua carriera brillante, che per la sua grande simpatia.

Potrebbe interessarti