Animali a chi?

Koala minacciati, gli esperti sono preoccupati: di cosa si tratta e perché sono in pericolo

La nuova minaccia desta preoccupazione negli esperti per questa specie a rischio di estinzione, già messa in pericolo dal dilagare degli incendi e dal disboscamento
koala nuova minaccia di cosa si tratta

Una nuova minaccia sta incombendo sulla popolazione di koala in Australia. Si tratta di una malattia a rapida diffusione, che si aggiunge ai pericoli che questa specie corre già a causa degli incendi e del disboscamento di zone sempre più ampie.

La malattia che sta infettando i koala: di cosa si tratta

In Australia, la Cnn riferisce di una nuova minaccia per i koala: si tratta di clamidia, una malattia sessualmente trasmissibile che avrebbe già infettato l’80% della popolazione di koala stanziata nella zona rurale dell’Australia orientale.

La diffusione sarebbe molto rapida, al punto che gli esperti avrebbero già espresso timore per possibili estinzioni localizzate. Nei koala, la clamidia è in grado di causare la cecità e di provocare cisti nel tratto riproduttivo, portando alla sterilità oppure alla morte degli esemplari. Come ha spiegato Mark Krockenberger, docente di patologia veterinaria all’università di Sidney, alla Cnn, “Praticamente ogni femmina infetta da clamidia diventa sterile entro un anno, forse due anni al massimo… Anche se sopravvivono, non si riproducono“.

La clamidia tra i koala aveva una prevalenza di circa il 10% nella popolazione di Gunnedah, città rurale nel nordest del Nuovo Galles del Sud, nel 2008. Nel 2015 la percentuale era già aumentata al 60%. Ora gli esperti sarebbero al lavoro per trovare una cura vaccinale alla diffusione della clamidia, per scongiurare una drastica riduzione nel numero di questa animali. Negli esseri umani, la clamidia infetta più di 100.000.000 persone ogni anno e causa infertilità se non è curata.

Koala a rischio estinzione, quali sono le minacce alla loro sopravvivenza

Le minacce alla sopravvivenza dei koala sono numerose e potrebbero portare alla loro estinzione nell’Australia orientale già nel 2050.

L’allarme era stato lanciato nel 2020, tramite un’inchiesta parlamentare del partito verde australiano. Oltre all’epidemia di clamidia, gli incendi avrebbero danneggiato fino all’81% dei territori dei koala in alcune zone dell’Australia. Anche lo sviluppo di nuove aree urbane e il disboscamento giocherebbero un ruolo determinante nella minaccia alla loro sopravvivenza. I koala sono inseriti nella Lista Rossa degli animali in pericolo di estinzione sotto la dicitura “vulnerabili”. La Lista ha stimato una popolazione di koala compresa tra 100.000 e 500.000 esemplari, ma per la Australian Koala Foundation il numero sarebbe ridotto ad appena 58.000.

Potrebbe interessarti