Cronaca Italia

Terremoto a Livorno, scuole chiuse per oggi sabato 20 novembre. Avvertite altre scosse in Italia

Terremoto a Livorno all'alba di sabato 20 novembre: per sicurezza sono state chiuse tutte le scuole. Altre scosse di terremoto nella notte in Italia
terremoto livorno

Terremoti in Italia tra la serata di ieri, venerdì 19 novembre, e le prime ore di oggi, sabato 20. Sono state registrate sia a Livorno, dove il comune ha preso alcune misure precauzionali, che in provincia di Cosenza e Macerata. In tutti i casi non si sarebbero registrati gravi danni o feriti.

Terremoto Livorno: tre scosse all’alba di oggi, chiudono le scuole

Livorno si è svegliata con alcune scosse di terremoto: secondo quanto riporta l’Ingv (Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia) sono state tre, tutte tra un magnitudo compreso tra 2 e 3.5.

La prima scossa, epicentro al largo della costa livornese, è stata registrata alle 6.21 e ha avuto la magnitudo più alta. Più leggere invece quella della 6.24 (2) e quella avvertita un minuto dopo (2.1). Non vengono riportati al momento danni a cose o persone, ma dal sito del Comune di Livorno e dalle loro pagine social vengono comunicate alcune misure precauzionali.

Si legge: “La Protezione Civile del Comune informa che questa mattina è stata avvertita una scossa di terremoto sul nostro territorio“. Per queso: “Si comunica che, oggi, 20 novembre, in via precauzionale, le scuole di ogni ordine e grado saranno chiuse per valutare eventuali criticità nelle strutture.

La situazione è monitorata“.

Scosse a Cosenza e Macerata: i terremoti in Italia nelle ultime ore

Oltre al piccolo sciame di terremoti registrato all’alba, da ieri sera sono state altre scosse sul territorio Italiano. Ieri sera alle 19.54 la terra ha tremato a Bianchi, paese in provincia di Cosenza: magnitudo 3.7 ed epicentro a 19 chilometri di profondità, si apprende; una seconda scossa di 2.2 di magnitudo (ma a 6 chilometri di profondità) è stata registrata pochi minuti dopo negli stessi territori, alle 20.08.

Ansa riferisce che alcune persone si sono ritrovate in strada, impaurite dalla situazione.

Terremoti anche a Fiordimonte, provincia di Macerata – territorio che giusto ieri si è ritrovato a dire addio a Nonna Peppina, volto simbolo del terremoto del 2016. Due le scosse registrate dall’Ingv, a cavallo di quelle avvenute in provincia di Cosenza: la prima alle 19.58, con magnitudo 2.3; la seconda invece alle 2.29 di sabato notte, magnitudo 2.1.

Potrebbe interessarti