Bandi

Concorso Ministero della Giustizia, 1479 posti a tempo determinato: qual è il profilo ricercato e come presentare domanda

Bando di concorso indetto dal Ministero della Giustizia per 1479 assunzioni a tempo determinato: ecco quali sono i requisiti, le modalità per candidarsi e le materie d'esame da studiare
concorso ministero della giustizia tutti i dettagli

Nuovo bando di concorso per 1479 posti a tempo determinato presso il Ministero della Giustizia. L’annuncio è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 89 del 09/11/2021. Il profilo professionale ricercato è quello di Allievo agente del Corpo di Polizia penitenziaria.

Concorso Ministero della Giustizia: i requisiti

Per candidarsi, è necessario essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • cittadinanza italiana;
  • aver compiuto gli anni 18 e non aver compiuto e quindi superato gli anni 28;
  • essere in possesso di diploma di scuola secondaria di secondo grado che consente l’iscrizione ai corsi per il conseguimento del diploma universitario;
  • efficienza e idoneità fisica;
  • godimento dei diritti civili e politici;
  • non essere stati esclusi dall’elettorato politico attivo;
  • non avere riportato condanne penali o avere procedimenti penali;
  • non essere stati destituiti o dispensati dall’impiego pressa una pubblica amministrazione, non essere stati dichiarati decaduti o licenziati da un impiego statale.

Concorso per Allievo agente: come fare domanda

La domanda di ammissione al concorso deve essere presentata esclusivamente per via telematica, disponibile sul sito ufficiale del Ministero della Giustizia.

Per accedere al form di domanda il candidato dovrà utilizzare esclusivamente le proprie credenziali del Sistema Pubblico di Identità Digitale SPID. Il termine ultimo per presentare domanda è il 09/12/2021.

Concorso: i dettagli e le materie delle prove d’esame

I candidati dovranno sostenere le seguenti fasi previste dallo svolgimento del concorso: prova scritta d’esame, prove di efficienza fisica, accertamenti psico-fisici, accertamenti attitudinali.

La prova scritta verterà su una serie di domande a risposta sintetica o a scelta multipla, relative ad argomenti di cultura generale e a materie oggetto dei programmi della scuola dell’obbligo.

Nel corso della prova scritta non è consentito usare telefoni cellulari e qualsiasi altro strumento elettronico, informatico o telematico che permettano di comunicare tra candidati e con l’esterno. È altresì vietato portare carta da scrivere, appunti, libri, e opuscoli di qualsiasi genere.

Potrebbe interessarti