Spettacolo

Diego Abatantuono parla della sua “sindrome” rivela di aver rinunciato ad alcuni film per un motivo importante

Diego Abatantuono si racconta parlando di politica, recitazione e cinema e rivela di aver rinunciato ad alcuni progetti. L'attore si dice "affetto" da una particolare "sindrome".
Diego Abatantuono

Diego Abatantuono è uno degli attori e conduttori più noti e seguiti del cinema e della tv italiana. Nel corso della sua lunga carriera, il pubblico ha imparato ad apprezzarlo per la sua ironia e le sue doti recitative. Come da lui stesso rivelato, il suo rapporto con il lavoro è sempre stato vissuto con un particolare occhio attento alla sua famiglia, per la quale ha rinunciato ad alcuni progetti.

Diego Abatantuono si racconta e fa una rivelazione sulla sua “sindrome

Diego Abatantuono è stato ospite del programma di Massimo Giletti su RTL 102.5 e ha chiacchierato con lui in merito a diversi temi.

Fra questi non è mancato il focus sulla politica, rispetto alla quale l’attore si è esposto condividendo il suo pensiero. Draghi resti Premier ha dichiarato sicuro, motivando poi la sua affermazione. “Mi dispiacerebbe perderlo come presidente del Consiglio. Direi che forse sarebbe il caso di rimanere così e di trovare un altro nome valido per il Quirinale” ha aggiunto.

Parlando poi di sé e di come ha trascorso l’ultimo anno, Abatantuono si dice “contento”. “È stato un anno comunque in cui ho lavorato moltoha rivelato. “Frequento poco la televisione, faccio il cinema. Penso che bisognerebbe fare così” ha poi spiegato.

“Se sai fare una cosa, è inutile farne altre quattro o cinque…” ha ancora commentato chiarendo la sua opinione.

“Io poi– ha continuato ironico- ho la sindrome di Gianni Morandi. “Avendo iniziato a lavorare da giovane, e non essendo più ora molto giovane, ci sono sempre stato” ha aggiunto parlando con Gileti.

Diego Abatantuono fra carriera nel cinema e amore per i figli

Nel 1985, Diego Abatantuono è diventato padre per la prima volta, della figlia Marta. In seguito, dalla sua relazione con Giulia Begnotti sono nati Matteo, classe 1995, e Marco, venuto alla luce nel 1997.

Nel corso della sua chiacchierata radiofonica con Giletti, l’attore ha parlato proprio dei suoi figli e di come anche nel suo lavoro abbia sempre fatto in modo di mettere loro al primo posto.

“Ho sempre cercato di fare al massimo due film all’anno per stare con i miei figliha raccontato in diretta. “Il tempo passa e non si torna indietro, non c’è la moviola, e io non volevo avere il rimpianto di non essere stato con loro” ha aggiunto.

“Una volta rinunciai a un film con Pupi Avati, nonostante mi legi a lui un bel rapporto, proprio perché si girava d’estate, quando avevo gli unici due mesi per andare in vacanza con i miei figli ha rivelato ai radioascoltatori.

La generazione di oggi è figlia di due generazioni che sono state bene” ha poi osservato. “I miei genitori hanno fatto di tutto per non farmi avere problemi. I ragazzi di oggi si sono forse un po’ distratti…” ha concluso infine Abatantuono.

Potrebbe interessarti