Programmi TV

Paola Ferrari a Verissimo, i difficili ricordi dell’infanzia: “Mia mamma ha cercato 3 volte di uccidermi”

Paola Ferrari ha rilasciato alcune dichiarazioni sulla sua infanzia, confessando come la madre tentò per tre volte di ucciderla. La rivelazione della giornalista sportiva a Verissimo.
paola-ferrari-rivelazione-madre-verissimo

Paola Ferrari ha rivelato un drammatico retroscena della sua infanzia, segnata dai gravi problemi mentali della madre. La giornalista sportiva, ospite a Verissimo di Silvia Toffanin, ha confessato di aver rischiato di morire proprio per mano della figura materna, che per tre volte ha tentato di ucciderla. “Per me è stato un trauma” la dolorosa rivelazione.

Paola Ferrari e l’infanzia segnata dai problemi mentali della madre

Paola Ferrari è stata ospite di Verissimo nel salotto di Silvia Toffanin. La giornalista sportiva ha ripercorso la sua carriera e la sua vita, segnata da grandi soddisfazioni ma anche da momenti di immenso dolore.

A cominciare dalla difficile infanzia vissuta, segnata dai problemi mentali della madre che avrebbe addirittura tentato di uccidere la figlia.

Sono stata molto fortunata nella mia vita perché avrei potuto finire non bene. Nella mia vita ho incontrato molti trabocchetti e rischi. A 15 anni ero già quasi via di casa, quindi ho affrontato mondi complicati e difficoltà“, spiega Paola Ferrari ricordando la sua tortuosa giovinezza segnata da mille ostacoli. A seguire parla della instabilità mentale di cui soffriva la figura materna: “Io avevo una situazione molto complicata.

Sono figlia unica e purtroppo ho avuto una madre che ha avuto problemi mentali seri. In quegli anni c’erano grandi pregiudizi e mia madre ha avuto problemi seri. Io ho vissuto un’infanzia da incubo“.

Paola Ferrari confessa: “Mia mamma ha cercato 3 volte di uccidermi

Paola Ferrari ha ripercorso i drammi della sua infanzia, rivelando il gesto estremo che la madre tentò di compiere nei confronti della figlia: “Mia mamma ha cercato 3 volte di uccidermi.

Mi ricordo 3 tentativi esatti, e io ero una bambina piccola: è avvenuto nella fine infanzia/inizio adolescenza. Finché sono riuscita a difendermi e andare via di casa.

Mio padre era molto assente, non avevo fratelli e per me è stato un trauma.

La giornalista sportiva confessa di non essere riuscita a perdonarla: “L’unica cosa che non sono riuscita a superare ed affrontare è stato il perdono. Io non sono riuscita a perdonare, di questo mi rammarico. Perché mia mamma, quando anni dopo è tornata ad essere una donna equilibrata, ha chiesto il mio perdono ma io non sono stata capace di darglielo. Poi mia madre è mancata e io mi sono sentita in colpa”.

Potrebbe interessarti