Cronaca Italia

Tentata estorsione agli imprenditori Loro Piana, arrestato un funzionario dell’Agenzia delle Entrate

Tentata estorsione ai danni della famiglia degli imprenditori Loro Piana: in manette un funzionario dell'Agenzia delle Entrate, accusato anche di accesso abusivo a sistema informatico.
tentata estorsione ai Loro Piana, funzionario arrestato

Accesso abusivo a sistema informatico o telematico e tentata estorsione ai danni degli imprenditori Loro Piana: sarebbero queste le accuse a carico di un funzionario dell’Agenzia delle Entrate arrestato poche ore fa su ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari emessa dal gip di Torino. Il provvedimento, eseguito a Vercelli dai Carabinieri di Milano, sarebbe scattato all’esito delle indagini svolte dopo la denuncia della vedova di Sergio Loro Piana.

Tentata estorsione ai Loro Piana, funzionario dell’Agenzia delle Entrate arrestato

Il funzionario dell’Agenzia delle Entrate arrestato a Vercelli, riporta Ansa, sarebbe accusato di accesso abusivo a sistema informatico o telematico e tentata estorsione ai danni della nota famiglia di imprenditori Loro Piana (titolare dell’omonima azienda tessile leader mondiale nel settore cashmere).

A dare impulso alle indagini del Nucleo Investigativo sarebbe stata una denuncia sporta dalla vedova dell’imprenditore Sergio Loro Piana (scomparso nel 2013), destinataria di una richiesta anonima di 300mila euro in sterline d’oro. Un tentativo di estorsione che si sarebbe consumato sotto la minaccia di diffondere informazioni riservate in merito a una vertenza tra la società e la stessa Agenzia.

L’attività investigativa avrebbe permesso di risalire al funzionario quale presunto autore del ricatto, attualmente indagato e sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari su ordinanza emessa dal gip di Torino.

Funzionario Agenzia delle Entrate arrestato, nel pc una “classifica” degli imprenditori più ricchi

Le indagini dei militari, sfociate nell’arresto del funzionario infedele, avrebbero portato a galla altri elementi di spiccato interesse investigativo.

Elementi che, nel quadro delineato a carico, avrebbero assunto un importante peso specifico.

Secondo quanto scoperto dagli inquirenti, riporta ancora Ansa, l’indagato avrebbe effettuato alcune interrogazioni sospette all’interno della banca dati “Serpico” dell’Agenzia delle Entrate, attività condotte senza autorizzazione.

Avrebbe così raccolto dati riservati sul conto dell’azienda dei Loro Piana, ma non solo: nel pc della sua postazione sarebbe stato trovato un archivio contenente file che rimanderebbero ad altri noti imprenditori, una “classifica” dei più ricchi della provincia tra cui la vedova di Sergio Loro Piana e congiunti.

Potrebbe interessarti