TV e Spettacolo

Natale da chef: trama, cast e trailer del cinepanettone con Massimo Boldi e Biagio Izzo su Canale 5

L'attore milanese e quello napoletano tornano protagonisti di una commedia piena di equivoci che li porta ad essere dei cuochi al servizio dei capi di Stato impegnati durante il G7.
Natale da chef

Mercoledì 29 dicembre 2021 in prima serata su Canale5 arriva il cinepattone di uno degli interpreti che hanno consacrato il genere in Italia. Massimo Boldi torna come protagonista di una commedia natalizia al fianco del fidato amico e collega Biagio Izzo, per interpretare un maldestro chef di nome Gualtiero Saporito. Nella pellicola Natale da chef il personaggio è convinto di essere un grande cuoco nonostante i suoi risultati siano pessimi e cercherà di cambiare il suo status quando inaspettatamente arriverà per lui l’incarico di cucinare durante il summit del G7. Tutto quello che c’è da sapere sul film in arrivo alle ore 21:40 circa sulla rete ammiraglia Mediaset.

Natale da chef: il cast del film

Natale da chef è un film italiano del 2017 diretto da Neri Parenti, grande regista delle commedie migliori di Fantozzi e considerato uno dei padri fondatori del genere dei cinepanettoni al pari dei fratelli Vanzina.

Il cast del film vede la partecipazioni di svariati attori già presenti in altre pellicole natalizie come il duo di protagonisti di Massimo Boldi e Biagio Izzo. I due interpreti sono affiancati da un folto gruppo di colleghi con i quali hanno già ampiamente collaborato in passato come Dario Bandiera, attore e rumorista lanciato in televisione da Maurizio Costanzo, ed ancora Enzo Salvi, Paolo Conticini, Maurizio Casagrande e Milena Vukotic.

Al loro fianco prendono parte nel film anche Francesca Chillemi, Rocio Munoz Morales ed anche Barbara Foria.

Natale da chef: la trama del film

Gualtiero Saporito crede di far suo di essere un grande chef capace di creare succose e prelibate pietanze grazie ai suoi improbabili mix. Nonostante tutti gli vadano contro non demorde per nulla e si lascia scivolare addosso le critiche e gli insulti fino a che una famosa ditta di catering gli offre di diventare il capo cuoco che dovrà cucinare per i capi di Stato impegnati nel summit del G7.

Potrebbe interessarti