Good News

Un sasso per un sorriso: l’iniziativa nata durante la pandemia per unire i cittadini divisi dal lockdown

È diventata virale l'iniziativa di un'artista svizzera che vive nelle Marche: pitture a spray sui sassi per strappare un sorriso a chiunque li trovi in giro per la città.
Un sasso per un sorriso: l'iniziativa nata durante la pandemia per unire i cittadini divisi dal lockdown

Un’iniziativa nata e realizzata in piena pandemia con il solo scopo di regalare sorrisi. L’idea dell’artista svizzera Heidi Aellig è semplice quanto rivoluzionaria nel suo messaggio. Si tratta di dipingere sassi e posizionarli negli angoli della propria città perché siano trovati da qualcuno. Le persone possono anche postare le foto sul gruppo Facebook “Un sasso per un sorriso“. 

Sassi dipinti in cambio di un sorriso: l’iniziativa

Heidi Aellig è un’artista di origini svizzere che da qualche anno vive nelle Marche, a Recanati. Ha creato il suo “Progetto Sorrisi” quando è scoppiata la pandemia. I partecipanti, da poche decine, sono diventati più di 100.000.

  “Sono stata da sempre una persona che desidera il mondo in rosa – spiega a La Nazionee mi pesa che in realtà sia così complicato sorridere e trovare un po’ di serenità“. L’artista non si riferisce solamente al momento storico contrassegnato dalla pandemia. “Ci sono troppe persone negli ultimi anni con problemi seri e i sorrisi non si vedono più. Il pensiero di poterlo strappare anche ad una persona sconosciuta mi riempie il cuore” ha dichiarato.

Da Recanati a Pesaro, da Bari a Trieste, da Bergamo a Roma: sono ormai un centinaio le piccole e grandi realtà italiane dove si raccolgono e si dipingono i sassi, per lasciarli di nuovo in strada e continuare questo progetto.

Ma si contano anche diversi partecipanti nel resto mondo: Svizzera, Spagna, Stati Uniti, Germania, Francia, Australia, Thailandia e tanti altri Paesi.

“Un sasso per un sorriso”: come funziona

I sassi vengono disegnati e dipinti con diverse tecniche e vengono così trasformati in piccole opere d’arte.

I soggetti rappresentati sono i più disparati: dagli animali ai cartoni animati, dalle citazioni alle frasi motivazionali, dalle piante ai fiori, senza dimenticare cuori, tramonti, dinosauri e tanto altro.

Dietro il sasso è importante scrivere il nome del gruppo Facebook “Un sasso per un sorriso” e comunicare in che città e zona è stato nascosto. Il sasso è così pronto per essere lasciato in attesa che qualcuno lo trovi.

L’obiettivo del gruppo è di regalare allegria e sorrisi, perché la gente ha bisogno più che mai di una cosa positiva – scrive Heidi – Disegniamo o scriviamo frasi carine sui sassi, poi facciamo una foto per farli vedere al gruppo“.

Potrebbe interessarti