Politica

Quirinale, Berlusconi chiama Salvini: il centrodestra prepara la via per la presidenza della Repubblica

Chi sarà il prossimo presidente della Repubblica. Il gioco della politica entra sempre più nel vivo e vede avvicinarsi la data del 24 gennaio, prima convocazione per decidere.
Berlusconi e Salvini

Manca sempre meno alla elezione del nuovo presidente della Repubblica e il conseguente addio alla presidenza di Mattarella che ha già ampiamente chiarito e allontanato la possibilità di Mattarella Bis. Due le possibilità di cui si è più discusso: l’addio di Draghi alla presidenza del Consiglio per passare a quella della Repubblica, oppure Berlusconi, come anticipato più volte da Tajani. Nelle scorse ore giro di telefonate per i leader del centrodestra che si preparano a un incontro.

Silvio Berlusconi chiama Matteo Salvini

Sarebbe previsto per questo venerdì un incontro tra Berlusconi, Salvini e la Meloni, rivela AdnKronos, per tirare le somme e decidere se il nome di Silvio Berlusconi sarà effettivamente la prima scelta del centrodestra.

Nelle scorse ore Silvio Berlusconi avrebbe anche chiamato Matteo Salvini per un primo colloquio in cui avrebbe chiarito l’importanza di rimanere compatti: “L’unità della coalizione è sempre stata un valore da preservare. Non possiamo sprecare questa occasione di dire la nostra“, avrebbe detto Berlusconi, riporta Tgcom.

La situazione al momento però appare tutto meno che compatta. Il capo leghista, Salvini, infatti, ha già chiarito il futuro del suo partito: “Noi resteremo al governo in ogni caso, sia che Draghi resti a palazzo Chigi sia che vada al Colle“.

Cosa che però va in netto contrasto con le intenzioni di Berlusconi che avrebbe già messo in chiaro che Fi senza Draghi come presidente del Consiglio, seguirebbe la strada del voto anticipato.

Elezione del presidente della Repubblica: il Pd di Letta

Intanto, anche il Pd deve ancora riunirsi per prendere la sua decisione e scegliere la linea da seguire.

Nelle scorse ore Letta aveva già chiarito di non considerare l’opzione Berlusconi al Colle, e che anzi la soluzione migliore sarebbe stato un Mattarella bis, che sappiamo però essere impossibile.

Intanto, fonti del Pd replicano alla notizia dell’incontro del centrodestra previsto per venerdì: “È una notizia positiva che sia stato convocato. Questo aiuta sicuramente il chiarimento e speriamo avvicini l’inizio di una discussione vera sul Quirinale e su un patto di legislatura. E’ una discussione che faremo animati da spirito costruttivo“, riporta Tgcom.

Potrebbe interessarti