Good News

Alpinista trova dei gioielli sul Monte Bianco e li consegna alle autorità: premiato per il gesto

Uno scalatore, nel 2013, ha trovato, nei pressi della cima del Monte Bianco, una scatola contenente molti gioielli. Consegnati i preziosi alle autorità, dopo anni il ragazzo è stato ricompensato per la sua onestà.
Alpinista trova dei gioielli sul Monte Bianco e li consegna alle autorità: premiato per il gesto

Non è raro che oggetti dispersi vengano ritrovati nei luoghi più bizzarri, ed è ancora meno raro nel caso si parli di oggetti contenuti in aerei sfortunatamente precipitati. La notizia che segue tratta proprio del fortuito ritrovamento di alcuni gioielli, da parte di uno scalatore del Monte Bianco. Secondo alcune ipotesi, i gioielli sarebbero appartenuti ai passeggeri di uno dei due voli Air India schiantati nel 1950 e nel 1966.

L’incredibile ritrovamento

Secondo Le Parisien e il Guardian, un giovane alpinista francese, durante una scalata del Monte Bianco, avrebbe trovato una scatola di metallo.

Il ritrovamento, avvenuto nel 2013, ha stupito soprattutto per il contenuto della scatola, ossia una gran quantità di gioielli. Si ipotizzava già al tempo che i preziosi, tra cui smeraldi, zaffiri e rubini, fossero appartenuti ai passeggeri di uno dei due voli dell’Air India schiantatisi nel 1950 e nel 1966. Questo soprattutto perché nelle bustine, contenenti le circa 100 pietre preziose presenti nella scatola, sembrerebbe vi fosse incisa la dicitura “Made in India”. Entrambi i voli, infatti, si sarebbero schiantati nei pressi della cima del monte. Nel corso degli anni, inoltre, sarebbero stati vari i ritrovamenti di oggetti presenti sui due aerei.

Lo scalatore, subito dopo il ritrovamento, sarebbe rapidamente disceso dalla montagna recandosi immediatamente dalle forze dell’ordine di Chamonix per consegnare il prezioso “bottino”. Le autorità avrebbero, quindi, cercato i proprietari dei gioielli.

Lo scalatore premiato per la sua onestà

Dopo che le ricerche dei veri proprietari non sono andate a buon fine, secondo la BBC, lo scalatore sarebbe stato ricompensato adesso con metà del valore dei gioielli, ovvero quasi 150mila euro. Le autorità locali, invece, avrebbero ricevuto l’altra metà dei soldi.

Il sindaco di Chamonix, Eric Fournier, avrebbe dichiarato alla stampa francese che i preziosi sono stati divisi in due lotti. Avrebbe inoltre, elogiato l’onestà del giovane scalatore. Un gesto di correttezza che ha portato il ragazzo ad essere lautamente ricompensato.

Potrebbe interessarti