Cronaca Italia

Green Pass, in arrivo nuove strette: quali saranno i negozi “pass free” e cosa cambia dal 1° febbraio

L'obbligo di Green Pass per l'accesso a negozi e attività commerciali sta per essere ampliato. Il Governo sta definendo una lista di attività che resteranno aperte a tutti: ecco quali potrebbero essere.
Green Pass, in arrivo nuove strette: quali saranno i negozi "pass free" e cosa cambia dal 1° febbraio

Il Governo è al lavoro per definire la lista delle attività accessibili alle persone sprovviste di Green Pass. Le nuove regole prevedono infatti una stretta sull’obbligo di esibire il certificato verde a partire dal 1° febbraio, ma alcuni negozi saranno esclusi e quindi aperti a tutti.

Green Pass, in arrivo nuove regole: cosa cambia dal 1° febbraio

Dal 1° febbraio cambiano le norme per l’accesso ai negozi. In molti casi sarà richiesto almeno il Green Pass base, che si può avere sottoponendosi a un tampone antigenico rapido o molecolare con esito negativo. Il certificato verde che si ottiene in questo modo ha validità di 48 ore per il tampone rapido e 72 ore per quello molecolare.

Il Dpcm che regolamenterà l’obbligo di Green Pass per accedere alle attività commerciali dovrà tenere conto della distinzione tra attività all’aperto e al chiuso e individuare quelle necessarie per le esigenze essenziali e primarie della persona. Uno dei nodi ancora da sciogliere è quello dei centri commerciali. In questo caso, l’ipotesi più probabile sarebbe consentire l’ingresso senza Green Pass nei supermercati e nei negozi inclusi nell’elenco di quelli esentati, ma non in tutti gli altri.

Quali sono le attività commerciali aperti a tutti, senza obbligo di Green Pass

Nel nuovo Dpcm, le attività commerciali che potrebbero rimanere accessibili a tutti, comprese le persone che non si sono sottoposte a un tampone e non hanno ricevuto alcuna dose di vaccino, dovrebbero essere le seguenti:

  • Supermercati e negozi di alimentari, compresi i negozi che vendono bevande o surgelati, le pescherie e i grossisti di prodotti ittici e carni;
  • Mercati all’aperto e bancarelle degli ambulanti;
  • Edicole;
  • Farmacie, parafarmacie e negozi di ottica;
  • Negozi per acquistare pellet, legna per il riscaldamento o combustibile per la casa;
  • Benzinai;
  • Negozi di articoli per animali.

Senza Green Pass dovrebbe inoltre essere possibile accedere agli uffici giudiziari per presentare una denuncia o testimoniare a un processo.

Green Pass base e Super, quando e dove servono: le nuove regole

In base al Decreto n.1 del 7 gennaio, il Green Pass base è obbligatorio dal 20 gennaio al 31 marzo 2022 per accedere alle attività commerciali ma anche nei negozi di parrucchieri, barbieri e centri estetici. Con il Super Green Pass, che si ottiene invece sottoponendosi al ciclo vaccinale con 2 o 3 dosi oppure guarendo dal Covid, è invece possibile prendere i mezzi di trasporto anche locali e frequentare luoghi di incontro come bar, cinema, teatri, sale da concerto, alberghi e strutture ricettive, piscine, palestre, stadi, palazzetti dello sport, spogliatoi, ma anche musei, mostre, centri benessere e termali, sale da gioco, sale scommesse e casinò.

Potrebbe interessarti