Vai al contenuto

Bitcoin non più di 38.000 dollari per JP Morgan, ma sarà davvero così? C’è chi sostiene il contrario

Pubblicato: 23/02/2022 07:31

La settimana appena trascorsa ha visto i trader e non solo puntare gli occhi soprattutto sul confine tra Russia e Ucraina, coi mercati finanziari palesemente danneggiati al sentiment inerente un possibile attacco di Mosca ai danni di Kiev. Insieme alle azioni e contrariamente alle varie commodity, il Bitcoin e le altre cryptovalute hanno registrato dei copiosi cali, con la crypto per eccellenza che si è assestata ben sotto il livello di 40.000 dollari.

Bitcoin: JP Morgan non è ottimista sull’oro digitale

In un recente report, la banca d’affari statunitense JP Morgan ha fatto sapere di prevedere un valore di 38.000 dollari come soglia su cui si soffermerà il Bitcoin, quindi inferiore sia al suo valore unitario attuale sia alla media degli ultimi sei mesi.

JP Morgan ha calcolato un obiettivo di prezzo teorico a lungo termine per il Bitcoin assumendo che il suo valore di mercato totale sia uguale a quello di tutto l’oro detenuto privatamente a fini di investimento. Tale ipotesi si basa sulla crescente argomentazione secondo cui il Bitcoin è “oro digitale”, ovvero una riserva di valore nell’era digitale. Dopotutto, condivide molte caratteristiche simili con il metallo giallo: ha una quantità limitata, è durevole, è fungibile, può essere suddiviso in “pepite” più piccole e così via.

Secondo il World Gold Council, ci sono 205.238 tonnellate di oro estratto con un valore di mercato totale di oltre 10.000 miliardi di dollari. Ma non sarebbe esattamente corretto equiparare il valore di mercato totale del Bitcoin a questa cifra: quasi la metà delle 205.238 tonnellate di oro là fuori è usata come “gioielleria” e un altro 17% è detenuto dalle banche centrali come riserve. Il Bitcoin, non può essere usato come gioiello ed è improbabile che vedremo presto le principali banche centrali trattenere le cryptovalute come parte delle loro riserve (ma mai dire mai!).

Ecco perché la cifra su cui si concentra JP Morgan è la quantità di oro detenuta privatamente a scopo di investimento, ovvero l’oro detenuto da individui e investitori (sia retailer che istituzionali) come riserva di valore. La cifra include tutti i lingotti detenuti dagli ETF sull’oro, dal momento che sono in definitiva di proprietà di privati ​​​​e investitori.

Bitcoin, la cryptovaluta è molto diversa dall’oro: la critica a JP Morgan

Reda Farran di Finimize, però, ha mosso una doppia critica nei confronti di JP Morgan, dopo aver letto il report della banca d’affari: “Non c’è molto che tu possa fare con l’oro, ma c’è un sacco di cose che puoi fare con il Bitcoin. Innanzitutto, puoi usarlo come forma di pagamento, con un recente sondaggio di Visa che mostra che un quarto delle piccole imprese prevede di accettare pagamenti in cryptovalute quest’anno. In secondo luogo, puoi inviare Bitcoin in modo semplice ed economico a un’altra persona dall’altra parte del globo senza intermediari e senza alcun rischio di censura, rendendolo un metodo efficiente di trasferimento di denaro”, ha commentato l’esperta.

“Terzo, puoi depositare i tuoi bitcoin su piattaforme di prestito centralizzate o decentralizzate per guadagnare interessi. Ad esempio, Celsius offre il 6,2% fino a 0,25 Bitcoin e il 3,05% oltre. L’oro non solo genera un rendimento zero, ma comporta costi di stoccaggio sotto forma di spese di custodia e assicurazione se lo detieni fisicamente. E infine, puoi utilizzare il tuo Bitcoin come garanzia su queste piattaforme di prestito per prendere in prestito altre cryptovalute, comprese le stablecoin, i cui valori sono ancorati a valute legali come il dollaro. Un’azienda fintech ti consente persino di utilizzare i tuoi Bitcoin come garanzia per stipulare un mutuo”.

L’offerta di Bitcoin è più limitata

Inoltre, si potrebbe sottolineare che c’è una certa somiglianza nell’offerta tra i beni. 6,25 nuovi Bitcoin vengono estratti ogni 10 minuti (tempo che, secondo le stime degli esperti, si dimezzerà all’inizio del 2024), l’equivalente di 328.500 nuove monete digitali ogni anno. Ciò rappresenta un’espansione annuale dell’1,7% della base di offerta di Bitcoin, un tasso simile al quale la fornitura di oro sta aumentando (circa 3.500 tonnellate vengono estratte ogni anno, su una base di 205.238 tonnellate attualmente esistenti).

Ma la somiglianza finisce qui. Ci sono circa 53.000 tonnellate di riserve auree accertate nel terreno. Ciò significa che l’offerta di oro è destinata ad aumentare alla fine del 25% o più, se scopriamo riserve auree aggiuntive, il che è una cosa molto probabile. Nel frattempo, c’è un limite rigido di 21 milioni di Bitcoin, il che significa che l’offerta di Bitcoin è destinata ad aumentare di circa il 10% da oggi, ma non di più. Alcune persone sostengono addirittura che la vera offerta di Bitcoin diminuirà una volta raggiunti quei 21 milioni poiché gli utenti dimenticano le “chiavi” del propri wallet, inviano accidentalmente Bitcoin all’indirizzo sbagliato e così via.

In altre parole, secondo la Farran, la cifra di 38.000 dollari riportata da JP Morgan non è affatto un valore “equo”. “Anche se applichi il tuo presunto rapporto di volatilità per raggiungere la tua conclusione, resta il fatto che il valore reale sarà sempre più alto perché stai utilizzando un framework difettoso. Qualcosa da tenere a mente se stai cercando di raggiungere il tuo valore equo”, ha spiegato l’esperta.

E se le tensioni tra Russia e Ucraina spingessero il valore del Bitcoin?

Dopo l’escalation delle tensioni tra Russia e Ucraina dei scorsi giorni, i mercati globali sono crollati, con il Bitcoin in calo di quasi il 10%. La crypto per eccellenza è scesa poiché una divergenza ribassista sull’RSI si è verificata anche sul time frame giornaliero. Tutti gli occhi sono puntati sulla situazione Russia-Ucraina per un possibile “sollievo” a breve termine nel mercato.

A spingere il valore del Bitcoin in aumento, però, potrebbe essere – per motivi diversi – proprio Russia e Ucraina, dopo che la Nazione guidata da Vladimir Putin, insieme all’India, ha recentemente reso legale il Bitcoin e l’Ucraina è il prossimo Paese a seguire questo esempio.

Infatti, a settembre, è stata proposta una legge che legalizza le cryptovalute in Ucraina, anche questo disegno di legge è stato respinto. La scorsa settimana, il portale ufficiale del governo ha annunciato una nuova legge che lancerà un mercato legale per le risorse virtuali in Ucraina. Questa legge, che definisce i diritti e i doveri chiari di tutti i partecipanti al mercato, farà sì che le cryptovalute verranno adottate in modo significativamente maggiore nella vita quotidiana delle persone, in un Paese che è già un grande utilizzatore della tecnologia criptata.

Continua a leggere su TheSocialPost.it