Spettacolo

Francesco Facchinetti nei guai in Honduras e Nicaragua: i retroscena dell’esperienza a L’Isola dei Famosi

Francesco Facchinetti ha rivelato alcuni retroscena risalenti alla sua esperienza da inviato a L'Isola dei Famosi. Il conduttore ha avuto guai in Honduras e in Nicaragua.
francesco-facchinetti-arrestato-honduras-racconto

Francesco Facchinetti, positivo al Covid-19, ha approfittato del periodo di quarantena per interagire con i fan raccontando loro alcuni aneddoti del passato. Su Instagram il conduttore ha svelato, in particolare, due retroscena risalenti alla sua esperienza da inviato de L’Isola dei Famosi nel 2006: un arresto in Honduras e problemi anche in Nicaragua. Il racconto sconcertante condiviso in alcune stories.

Francesco Facchinetti arrestato in Honduras: “Hanno pensato fossi un killer

L’Isola dei Famosi ha rappresentato per Francesco Facchinetti un’importante esperienza televisiva, ma gli ha anche lasciato racconti spiazzanti da condividere con i fan.

Nel 2006 è stato inviato del reality, tuttavia la sua esperienza in Honduras è stata caratterizzata anche da qualche piccolo intoppo. Risultato positivo al Covid-19 e dunque costretto alla quarantena, il conduttore ne approfitta per parlare con i fan di quanto accaduto anni fa tra l’Honduras e il Nicaragua.

Parlando dell’Honduras, ha rivelato di essere stato fermato ed arrestato da alcuni poliziotti, che l’avevano scambiato per un killer di una gang: “All’epoca, era il 2006, l’Honduras era un paese molto violento. Noi stavamo vicino ad una città dove non potevi girare da solo perché c’erano delle gang, una si chiamava Mucha M.

 e l’altra Diciotto e andavano in giro proprio con i fucili a rapinare, sparare e ammazzare la gente“. E continua: “Questa gang, Diciotto, i suoi componenti avevano un 18 tatuato sulla pancia, e io ho un otto molto grande tatuato sulla pancia. Mentre ero in spiaggia, che camminavo, ad un certo punto dei poliziotti mi hanno visto e hanno visto il tatuaggio, così hanno pensato che fossi un killer di questa banda e mi hanno portato al commissariato. Sono stato lì fino a quando quelli dell’Isola sono venuti a prendermi e hanno spiegato che non ero un delinquente e così mi hanno liberato“.

Francesco Facchinetti: problemi anche in Nicaragua

Non solo in Honduras, perché Francesco Facchinetti ha avuto seri problemi anche Nicaragua: in questo caso è stato accusato di rientrare in un giro di narcotraffico europeo. Il racconto del conduttore in un’altra Instagram story: “Sono nella capitale del Nicaragua, all’aeroporto, che attendo di prendere un piccolo aereo per andare su un’isola dove c’è l’Isola dei Famosi. L’aereo è in ritardo, aspetto, poi mi rompo, esco e mi metto seduto su un muretto. Sono lì, vedo delle persone che mi guardano ma non ci faccio caso.

Dopo un’oretta queste persone vengono da me, erano in borghese e mi dicono: ‘Scusa ma da dove vieni?’.

Dico: ‘Sono italiano, sono di Bergamo’.

Il racconto continua: “Appena dico Bergamo diventano tutti seri, mi portano in uno stanzino e mi fanno il terzo grado. Mi chiedono: ‘Come mai sei qua?’. Dico: ‘Sono qua per l’Isola dei Famosi, sono il presentatore’. A quel punto mi chiedono la licenza del presentatore, ma non è che abbiamo la patente del presentatore. Non si fidano, tanto che a un certo punto chiedo: ‘Come mai Bergamo vi ha fatto diventare seri?’.

Loro: ‘No, perché uno dei più grandi narcotrafficanti europei è bergamasco’. Io dico: ‘Ma cosa c’entra? Io non sono un narcotrafficante. Devo andare a lavorare’. E non si fidavano“. Sino all’epilogo finale: “Dopo due ore di interrogatorio mi chiedono di aprire le valigie, apro le valigie ma ancora non si fidano. Allora mi è venuto in mente di dire: ‘Sono un cantante, ho fatto anche un pezzo con Pavarotti’. Siamo andati su Youtube, hanno visto che avevo fatto effettivamente un pezzo con Pavarotti e mi hanno rilasciato. Ragazzi, tutte a me succedono“.

francesco-facchinetti-retroscena-isola-dei-famosi
Francesco Facchinetti: i retroscena raccontati su Instagram

Potrebbe interessarti