Economia

Empatia, come e perché può diventare fondamentale in azienda per portare crescita e vantaggi

Una cultura aziendale basata sull'empatia può essere un fattore critico di successo. Ma come è possibile trasformare l'organizzazione aziendale tramite l'empatia?
Cultura aziendale basata sull'empatia

Ogni società ha una propria cultura aziendale e spesso quando quest’ultima è basata sull’empatia, cioè sulla capacità di comprendere lo stato d’animo altrui, può portare vantaggi per l’impresa. Questo tipo di cultura aziendale può fare la differenza perché riuscire a capire cosa provano i consumatori è propedeutico per capire i lori bisogni. Secondo quanto emerge da una ricerca della società Ipsos, l’empatia può essere un fattore critico di successo. Per poter comprendere le sensazioni di chi ci sta di fronte bisogna basare la propria analisi su elementi come: l’ascolto, l’osservazione e l’esperienza.

Per i consumatori l’empatia è essenziale per i brand

Secondo un sondaggio svolto da esperti della società Ipsos a maggio 2020 negli USA, l’86% degli intervistati crede che l’empatia sia indispensabile per creare fedeltà verso il brand. Negli ultimi 20 anni è cresciuta l’attenzione dei consumatori, soprattutto dei più giovani, verso tematiche sociali e ambientali. Questa tendenza si evince dal sondaggio, infatti secondo il 56% degli intervistati della generazione Z afferma di essere più propenso ad acquistare prodotti da aziende che si schierano contro le dichiarazioni razziali.

L’idea che le aziende debbano basare la propria cultura aziendale sull’empatia è condivisa dal 84% dei CEO e dal 70% dei dipendenti.

L’empatia può essere molto spesso un fattore critico di successo per le società, anche per poter essere capaci di rinnovare e presentare nuovi prodotti.

Costruire una cultura aziendale basata sull’empatia

Riuscire ad educare i dipendenti di un’azienda ad una determinata cultura aziendale è un processo lungo che ha bisogno di tempo. Per poter basare il proprio lavoro sull’empatia c’è bisogno di motivazione e di capacità da parte dei dipendenti. A volte però questo non basta perché per raggiungere questo obiettivo molto si basa anche sull’attitudine degli esperti aziendali a focalizzarsi sui bisogni dei clienti.

Questi sono fattori essenziali per riuscire a basare la propria cultura aziendale sull’empatia.

Secondo lo studio di Ipsos, per poter creare un’azienda capace di comprendere al meglio il bisogno dei consumatori, non sono sufficienti i fattori preliminari precedentemente citati. La trasformazione dell’organizzazione aziendale attraverso l’empatia necessita di 4 fasi principali:

  1. Allenare l’empatia come un muscolo.
  2. Connettersi in modo coerente.
  3. Passare all’azione.
  4. Sviluppare un ecosistema dell’empatia.

Perciò da questa ricerca si può emergere che creare una cultura aziendale basata sull’empatia può portare una serie di vantaggi come un miglioramento della comunicazione e dei valori aziendali. Questi aspetti determinano la corporate social responsibility, ormai imprescindibile per un’impresa che punta a perdurare nel tempo.

Potrebbe interessarti