Programmi TV

Giada De Blanck ricorda il padre a Oggi è un altro giorno, il supporto a mamma Patrizia: “L’ho tirata su”

A Oggi è un altro giorno Giada De Blanck, ospite assieme a mamma Patrizia, ricorda un momento doloroso della sua vita: la morte del padre. La confessione in studio.
patrizia-giada-de-blanck-oggi-e-un-altro-giorno-ricordo-padre

A Oggi è un altro giorno Patrizia De Blanck e la figlia Giada si raccontano a cuore aperto, ripercorrendo anche un doloroso capitolo della loro vita: la morte del papà della ragazza. In studio la figlia della Contessa entra in lacrime sulle note di una canzone per lei particolare, che la lega indissolubilmente alla figura paterna: I will always love you. “Per me è stato un segnale” la confessione a Serena Bortone.

Giada De Blanck a Oggi è un altro giorno: la canzone che la lega al padre

Serena Bortone segna un doppio colpo per Oggi è un altro giorno e invita in studio una delle più celebri coppie mamma-figlia della tv: Patrizia e Giada De Blanck.

La conduttrice ha prima avuto un’intima chiacchierata con la Contessa, la quale ha ripercorso gioie, dolori e amori della sua vita. A seguire ha fatto il suo ingresso la figlia Giada sulle note di I will always love you di Whitney Houston. Una canzone simbolo per la ragazza, alla quale è affettivamente legata e che la riporta a pensare al padre scomparso.

Questa canzone mi emoziona molto perché è la canzone che mi ha dedicato papà” confessa Giada De Blanck in studio. Ricordando la morte del padre ed ex marito di Patrizia, spiega: “C’è stata una coincidenza molto strana: quando è morto papà e lo stavano portando via, è partita questa canzone tra le case vicine.

Per me è stato un segnale, che sempre mi amerà e sempre ci sarà“.

Patrizia e Giada De Blanck: il loro rapporto dopo la grave perdita

Giada De Blanck, supportata al suo fianco da mamma Patrizia, ripercorre il dolore da loro vissute in seguito alla perdita: “Io devo dire che non auguro a nessuno di perdere le persone importanti e provare quello che ho provato io a 16 anni, un’età molto difficile e particolare.

Questa cosa mi ha unito di più a mia mamma, siamo rimaste da sole, abbiamo vissuto un calvario molto lungo e difficoltoso.

Quando mamma è crollata quando papà è morto, io l’ho tirata su“.

Patrizia De Blanck conferma quanto da lei detto: “Mi ha salvato la vita, se non fosse stato per lei io ero già morta“. La ragazza, a seguire, parla di come si sia evoluto il loro rapporto mamma-figlia nel corso degli anni, soprattutto dopo la morte del padre: “Lei è una persona molto ribelle, a volte dico: ‘Io sono la mamma e lei la figlia’. Perché sono protettiva con lei, negli anni si invertono i ruoli ed essere due donne da sole non è facile“.

Potrebbe interessarti