Good News

Una donna scopre di avere un tumore grazie al suo reggiseno sportivo: il dettaglio che l’ha salvata

Una donna si è salvata da un tumore al seno grazie all'indumento che indossava per fare sport: che cos'è successo e a quale dettaglio ha prestato attenzione.
Una donna scopre di avere un tumore grazie al suo reggiseno sportivo: il dettaglio che l'ha salvata

Una donna ha scoperto di avere un tumore grazie al suo reggiseno, un indumento solitamente le stava comodo ma che a un tratto ha iniziato a procurarle fastidio. Grazie a questo particolare, la donna è riuscita a rivolgersi ai medici in tempo.

Una donna si accorge di avere un tumore grazie al reggiseno sportivo

Una donna di 34 anni nel Regno Unito si è salvata da un tumore al seno grazie al suo reggiseno sportivo. Si stava allenando come sempre quando si è accorta che l’indumento, di solito comodo e confortevole, le procurava fastidio sfregando contro il petto. Durante un’intervista al quotidiano EssexLive, la donna ha infatti raccontato che “Stavo iniziando il mio allenamento quando ho capito che il mio reggiseno mi stava sfregando il petto.

Era un reggiseno sportivo che avevo indossato in molte occasioni ed era sempre stato comodo, ma, all’improvviso, mi è sembrato sbagliato”. Appena tornata a casa ha subito controllato quale fosse la causa e si è accorta di una protuberanza. “Non era un nodulo rotondo – ha spiegato – Sembrava più una vena irregolare, quindi non ero troppo preoccupata, ma data la mia storia familiare predisposta al cancro, ho deciso di prenotare un appuntamento con il mio medico di famiglia”.

La scoperta della diagnosi grazie al fastidio provocato dal reggiseno

I risultati della visita effettuata dalla donna si sono rivelati preoccupanti: la risonanza magnetica avrebbe rilevato un cancro al seno lobulare multifocale, cioè la presenza due tumori, di cui il secondo non era stato visto dalla mammografia e dall’ecografia. A questo punto i medici sono intervenuti con una mastectomia e una ricostruzione, scongiurando il ricorso alla chemioterapia e alla radioterapia rimuovendo completamente la zona in cui si era sviluppato il tumore. Per i prossimi 7 anni, però, la donna dovrà seguire una terapia ormonale.

Sarebbe potuta essere una storia molto diversa se non avessi prestato attenzione al mio reggiseno che sfregava contro la mia pelle – ha commentato la donna alla stampa estera – Grazie al cielo ho controllato e il mio cancro è stato individuato per tempo.

Quel reggiseno sportivo mi ha salvato la vita!”.

La predisposizione genetica della donna al cancro

La donna protagonista di questa vicenda ha prestato attenzione a quel piccolo particolare perché la sua famiglia aveva un’alta predisposizione allo sviluppo di questa malattia. Nel 2015 era stato diagnosticato un cancro ai polmoni alla suocera, che dopo 3 mesi l’aveva portata alla morte.

Lo stesso anno, a distanza di 3 mesi l’una dall’altra, le due sorelle della donna hanno scoperto di avere un cancro al seno, individuato per tempo. Anche il padre della donna aveva ricevuto una diagnosi 9 anni prima per un cancro alla prostata, con cui convive tutt’oggi.

Potrebbe interessarti