Cronaca Italia

Bambino di 2 anni bloccato nell’automobile sotto il sole: attimi di angoscia per il piccolo, le sue condizioni

Un bambino di 2 anni è rimasto chiuso in macchina, bloccato all'interno sotto il sole di mezzogiorno. Che cos'è successo e come sta ora.
Bambino di 2 anni bloccato nell'automobile sotto il sole: angoscia per il piccolo, le sue condizioni

Attimi di apprensione e paura per un bimbo di appena 2 anni rimasto bloccato in macchina sotto il sole. Che cosa è successo secondo le prime ricostruzioni e come si è conclusa questa vicenda.

Bimbo di 2 anni rimasto chiuso in un’automobile sotto il sole: che cos’è successo

È successo tutto in pochi istanti, nel parcheggio di un supermercato a Massafra, in provincia di Taranto. Sono le ore 12 di ieri, martedì 26 aprile, quando una donna finisce di caricare la spesa nel baule della sua automobile, inserisce le chiavi nel quadro della macchina e si prepara a ripartire. A quel punto si accorge di aver dimenticato a terra un giocattolo del bimbo, seduto in macchina con lei, così esce per recuperarlo.

La portiera si richiude dietro di lei, forse per un gesto intenzionale o forse per errore. Secondo la ricostruzione, è a questo punto che il piccolo aziona accidentalmente la chiusura centralizzata all’interno dell’automobile, le cui chiavi sono rimaste all’interno. La donna, angosciata per il bambino, richiama l’attenzione della folla chiedendo aiuto. I presenti, accorsi in gran numero, chiamano immediatamente le forze dell’ordine per cercare di liberare il bimbo.

Come sta il bambino rimasto bloccato in automobile sotto il sole

All’interno della vettura, il bambino di appena 2 anni è rimasto bloccato da solo, sotto il sole di mezzogiorno.

Sul posto interviene una pattuglia dei Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Massafra che subito tranquillizza la madre, spaventata e in lacrime, quindi valutano quali azioni intraprendere per liberare il piccolo. Alla fine, i Carabinieri decidono di procedere forzando la portiera della macchina. Subito visitato dal personale del 118 accorso sul posto, il bimbo risulta in ottimo stato di salute. Nonostante il grande spavento iniziale, la vicenda si è dunque conclusa per il meglio, con tanta preoccupazione per il bambino che ora sta bene.

Potrebbe interessarti