Fintech

Bitcoin perde quota 40.000 ma il mercato è bullish; le Bahamas aprono alle crypto

Due le notizie della settimana sulle cripto: da un lato il prezzo del Bitcoin sotto quota 40.000 dollari e le Bahamas che consentono di pagare le tasse sulle risorse digitali.
Bitcoin perde quota 40.000 ma il mercato è bullish; le Bahamas aprono alle crypto

I timori su ulteriori rialzi dei tassi da parte della Federal Reserve hanno spinto il prezzo del Bitcoin sotto quota 40.000 dollari, a un livello che non veniva toccato da oltre un anno, nonostante sul fronte delle adozioni da parte dei Paesi interessati alla valuta digitale stiano arrivando notizie positive.

L’impatto della Fed sul Bitcoin

I mercati delle criptovalute sono crollati a inizio settimana, con il Bitcoin che non è riuscito a mantenere il livello di 40.000 dollari. I timori per un aumento del tasso di 50 punti base si sono rafforzati dopo i commenti del presidente della Federal Reserve, Jerome Powell, lo scorso giovedì.

Powell ha affermato: “Secondo me, è appropriato muoversi un po’ più rapidamente“, che rappresenta un cambiamento chiave nella direzione della strategia della Federal Reserve; invece di aumentare costantemente i tassi a 25 punti base quest’anno, Powell ha affermato che il FOMC sia più disposto ad aumentare i tassi di interesse più rapidamente e raggiungere l’obiettivo del 2-2,5% a un ritmo più rapido.

Ciò significa che un aumento del tasso di 50 punti base è molto probabile alla prossima riunione del FOMC del 3-4 maggio. È chiaro che la Federal Reserve ha preso questa posizione aggressiva perché i consumatori negli Stati Uniti stanno ancora spendendo in modo sostanziale, il che sorprende dopo la guerra Russia-Ucraina.

Secondo l’analista Marcus Sotiriou, “penso che, anche se abbiamo una Federal Reserve più aggressiva che potrebbe causare più dolore per i mercati globali a breve termine, sono ancora cautamente rialzista per il Bitcoin. Questo perché il mercato si aspettava già un aumento del tasso di 50 punti base prima dell’annuncio di Jerome Powell la scorsa settimana, quindi questa notizia è già stata valutata in larga misura. Ciò potrebbe portare a un evento “compra i fatti” il giorno della riunione del FOMC il 3-4 maggio”.

Sotiriou non è l’unico bullish

Nonostante la Federal Reserve aggressiva, le metriche on-chain del Bitcoin sono al contrario rialziste. I dati di Glassnode mostrano che la percentuale della fornitura di Bitcoin che non si è mossa in un anno è ai massimi storici.

Questi dati ci dicono che, mentre questi venti contrari macro sono in corso, il Bitcoin viene distribuito da coloro che lo vedono come un asset rischioso a detentori di lungo termine che hanno una forte convinzione nel potenziale a lungo termine del Bitcoin.

Anche Nigel Green è ottimista sul prezzo

Il Bitcoin si riprenderà dall’attuale crollo e raggiungerà un nuovo massimo storico di 75.000 dollari entro la fine del 2022, come prevede il CEO e fondatore di deVere, Nigel Green, che spiega: “Il Bitcoin è sceso brevemente sotto i 40.000 dollari, seguendo le perdite delle azioni globali.

La correlazione con i mercati azionari è attualmente particolarmente pronunciata con l’indice Nasdaq 100, ricco di tecnologia, che viaggia più che mai in tandem con il Bitcoin”.

E ancora: “Sembra che gli investitori stiano riducendo la loro esposizione agli asset rischiosi, tra cui azioni e cryptovalute, a causa delle crescenti preoccupazioni sull’inflazione e sul rallentamento della crescita economica.

C’è la sensazione crescente che le banche centrali, tra cui la Federal Reserve statunitense, la Banca d’Inghilterra e la Banca centrale europea, non saranno in grado di ottenere un ‘atterraggio morbido’, vale a dire frenare l’inflazione senza far precipitare una recessione“.

Secondo Green, il Bitcoin è considerato una copertura credibile contro l’inflazione per tre ragioni chiave: in primo luogo, la sua scarsità: un’offerta limitata di 21 milioni significa che una maggiore domanda farà aumentare i prezzi; in secondo luogo, la sua accessibilità: come risorsa ha valore ed è accettata dal mercato; e, in terzo luogo, la sua durata: il Bitcoin continuerà ad attirare più domanda nel tempo.

Gli altri valori intrinseci della regina delle cryptovalute di essere un sistema monetario decentralizzato, a prova di manomissione e non confiscabile “sono stati messi a nudo nelle ultime settimane” a causa di problemi geopolitici.

Per questi motivi, Green rimane ultra-rialzista sul Bitcoin

Se non altro, il caso del Bitcoin e delle cryptovalute sta diventando più forte. Pertanto, prevediamo che il Bitcoin si riprenderà dall’attuale crollo e raggiungerà un nuovo massimo storico di 75.000 entro la fine dell’anno”, ha affermato l’esperto.

Pertanto, le “balene“, che sono individui o entità che detengono abbastanza cryptovalute per avere il potenziale per spostarne le valutazioni, scrolleranno di dosso le preoccupazioni sui cali, le useranno come opportunità di acquisto e si concentreranno sulle tendenze a lungo termine.

Nigel Green ha concluso dicendo che “i venditori “nel panico” (panic sellers) stanno dando da mangiare alle balene che vedono gli attuali cali di prezzo del Bitcoin come degli sconti”.

Bahamas interessate a usare il Bitcoin

L’adozione globale delle cryptovalute continua a crescere poiché le Bahamas hanno ora consentito ai cittadini di pagare le tasse sulle risorse digitali.

Il primo ministro delle Bahamas, Philip Davis, ha dichiarato: “Abbiamo una visione per trasformare le Bahamas nel principale hub di risorse digitali nei Caraibi“.

L’annuncio della strategia per aumentare l’adozione delle risorse digitali è arrivata appena una settimana prima della conferenza Crypto Bahamas, alla quale hanno partecipato ospiti come l’ex primo ministro britannico Tony Blair, l’ex presidente degli Stati Uniti Bill Clinton e il più famoso quarterback della NFL Tom Brady.

Inoltre, il governo consentirà ai residenti di utilizzare la Bahamas CBDC (valuta digitale della banca centrale), chiamata Bahamas sand dollar, per accedere alle risorse digitali.

Un report di PwC dello scorso anno aveva mostrato che tra le 60 CBDC in lavorazione in tutto il Mondo, il “Dollaro della sabbia” delle Bahamas è in testa alla curva. PwC ha classificato le prime 10 iniziative CBDC al dettaglio in tutto il Mondo in base alla maturità del progetto, con il Sand Dollar al primo posto.

Le CBDC mirano ad aumentare l’efficienza nei pagamenti, ridurre i costi dei servizi finanziari e rafforzare il controllo sulle frodi abilitate al denaro contante. Secondo PwC, la stragrande maggioranza delle banche centrali sta valutando l’idea di lanciare una CBDC.

Gli analisti di PwC hanno affermato: “Prevediamo che le CBDC trarranno grandi benefici dalle transazioni transfrontaliere e dalle economie di tutte le giurisdizioni pertinenti“.

Potrebbe interessarti