Programmi TV

Francesco Oppini e il tatuaggio dedicato alla fidanzata scomparsa anni fa: il ricordo a Oggi è un altro giorno

A Oggi è un altro giorno Francesco Oppini ricorda la fidanzata Luana, scomparsa 16 anni fa. In studio, assieme a mamma Alba Parietti, ripercorre il dolore più grande della sua vita.
francesco-oppini-morte-ex-compagna-ricordo-oggi-e-un-altro-giorno

A Oggi è un altro giorno Francesco Oppini ha rivissuto un doloroso capitolo della sua vita, legato alla morte della fidanzata Luana nel 2006. Nell’intervista per Serena Bortone realizzata assieme a mamma Alba Parietti e papà Franco Oppini, l’ex gieffino ricorda il suo primo tatuaggio sulla pelle, dedicato proprio all’ex compagna in seguito alla sua morte: “Una sigla del suo nome“.

Francesco Oppini ricorda l’ex fidanzata Luana: il tatuaggio a lei dedicato

Serena Bortone ha riunito la famiglia Oppini sul piccolo schermo, con Alba Parietti e il figlio Francesco in studio e Franco in video-collegamento.

A Oggi è un altro giorno padre, madre e figlio raccontano i retroscena sul loro rapporto e ripercorrono la propria vita, vissuta tra spettacolo, teatro e televisione. L’intervista tocca anche un capitolo piuttosto delicato nella vita di Francesco, legato alla morte della ex fidanzata Luana.

Era il 2006 quando l’ex gieffino perse la compagna in un incidente stradale. Il doloroso ricordo inizia da un simbolo che il ragazzo ha voluto imprimere sulla pelle, un tatuaggio a lei dedicato: “Il mio primo tatuaggio è stato un qualcosa di molto tenero perché l’ho fatto con una persona che non c’è più, per una persona che non c’era più: era la mia compagna. L’avevo fatto con la mamma di questa ragazza, era una sigla del suo nome, è stato il primo che ho fatto“.

Francesco Oppini rivive quel doloroso capitolo della sua vita spiegando come l’abbia affrontato: “Rappresenta una forzata crescita improvvisa e un superare il dolore più inaspettato che uno può avere all’età che avevo io all’epoca, 24 anni. A quell’età non pensi possano succedere determinate cose, che ti possa mancare un amico, una compagna, un genitore… Invece ti rendi conto che siamo tutti appesi a un filo. […] Se io spesso sorrido è grazie all’atteggiamento di questa persona, lei era questo: aveva il sorriso h24 su ogni cosa, anche di fronte ai problemi“.

Alba Parietti e il dolore del figlio Francesco: “Difficilissimo da gestire

Un lutto che ha segnato nel profondo anche mamma Alba Parietti, che ricorda come affrontò quel dolore: “Credo che la sofferenza di un figlio per un genitore sia qualcosa di inaccettabile, e l’impotenza totale di togliere quel dolore è una frustrazione. Poi vivere l’inferno in terra che non ti sei mai immaginato in modo tangibile.

Io poi ero diventata molto amica della mamma di lei, non la conoscevo, l’ho conosciuta al funerale“.

La showgirl ricorda come fu da supporto al suo Francesco, assorbendo su di sé tutta la rabbia e il dolore del figlio: “Il dolore di mio figlio è stato difficilissimo da gestire. Per la rabbia che aveva Francesco dentro, ero il pungiball di tutto. Franco mi è stato vicino, ma convivere con un dolore così profondo e tragico è stata una crescita reciproca. Io per la prima e ultima volta nella mia vita prendevo antidepressivi, perché poi questa ragazza per me era diventata un’ossessione“.

Un evento che ha segnato nel profondo la vita di Francesco Oppini, che confessa: “Era come se non volessi accettare l’aiuto di nessuno, perché mi sentivo in colpa di non essere nella sua situazione.

Quando vivi una cosa così brutta e forte, la cosa peggiore che ti può capitare è quella di svegliarsi ogni giorno, perché era un realizzare. Il tempo ha poi curato questa cosa, in un modo o nell’altro“.

Potrebbe interessarti