Cronaca Italia

61enne trovata morta dopo un mese in casa a Pesaro: era quasi mummificata, ipotesi di suicidio per solitudine

Da un mese nessuno aveva visto la donna in giro, un vicino avrebbe allertato i carabinieri che hanno trovato il corpo morto da un mese, quasi mummificato, nel suo letto.
ambulanza

Una donna di 61 anni morta da un mese trovata in casa sua da un vicino di casa. Gli inquirenti avrebbero da subito escluso la pista dell’omicidio violento una volta rinvenuti tutti gli oggetti di valore della donna, ed accertata l’assenza di danni fisici. La donna era nel letto quasi mummificata, sotto le coperte e vicino a lei è stata trovata una cospicua quantità di farmaci. Non si esclude, però, nessuna pista per ora.  

61enne morta da un mese: era quasi mummificata 

Il macabro ritrovamento è avvenuto il 2 maggio nella casa della donna, Margherita, a Pesaro. Un vicino di casa avrebbe chiamato le Forze dell’Ordine allertato dall’assenza prolungata di oltre un mese della donna.

Il vicino di casa, ed affittuario, della 61enne trovata morta si sarebbe insospettito della sua assenza, provando a bussare alla sua porta ma senza ricevere risposta. Giunti sul luogo oltre ai Carabinieri, anche i Vigili del Fuoco.  

La porta della signora non era neppure chiusa a chiave e il corpo è stato trovato nel suo letto, quasi mummificata, sotto le coperte. Sul comodino vicino al corpo della donna c’erano parecchi farmaci, aprendo all’idea di un decesso dovuto al sovradosaggio. Seppur si tratti solamente di ipotesi, gli inquirenti avrebbero da subito escluso l’ipotesi violenta una volta trovati in casa tutti i beni di valore della donna.

 

La morte consumata nella solitudine 

Per gli inquirenti, dunque, l’ipotesi più probabile sulla morte della 61enne sembra essere un sovradosaggio letale di farmaci, anche a causa della sua completa solitudine.

Il vicino che ha fatto la scoperta, a Il resto del carlino, avrebbe detto che “la signora usciva molto poco dopo la morte della madre avvenuta qualche mese fa”.  

Gli inquilini del suo palazzo erano soliti vederla “nel cortile a pulire il giardinetto”, ma la donna “parlava molto poco e noi rispettavamo questa sua scelta”.

L’uomo avrebbe provato “tre volte a suonare il campanello senza avere risposta”, allarmandosi e chiamando le Forze dell’Ordine. La donna era rimasta sola dopo la morta della madre, e così per un mese nessuno si sarebbe accorto del decesso.

Potrebbe interessarti