Pensioni

Pensione in anticipo con 20 anni di contributi? Il possibile calcolo dell’assegno per le varie fasce d’età

Quanto potrebbe valere la pensione di un lavoratore con 20 anni di contributi a partire dai 65 anni di età? Ecco le ipotesi e il calcolo delle cifre.
pensione soldi risparmi donna

È possibile accedere alla pensione anticipata prima dei 67 anni con 20 anni di contributi? Ecco i calcoli e le ipotesi per un lavoratore che ha guadagnato uno stipendio di 2.000€ lordi in media ogni mese.

Andare in pensione con 20 anni di contributi

L’età minima per l’accesso alla pensione è 64 anni. In particolare, nel 2022 è possibile accedere alla pensione anticipata tramite la cosiddetta Quota 102, che richiede un’età anagrafica minima di 64 anni e un’anzianità contributiva di almeno 38 anni. Al raggiungimento dei 67 anni di età è invece possibile ottenere la pensione di vecchiaia se si hanno almeno 20 anni di contributi.

Considerando che il pensionamento è concesso se l’assegno mensile è pari ad almeno 2,8 l’assegno sociale dell’Inps, quest’anno del valore di 460,28€, ecco a quanto potrebbe ammontare la pensione con 20 anni di contributi a 64, 65 e 67 anni di età.

Quanto può valere la pensione con 20 anni di contributi a 65 anni

Considerando uno stipendio lordo in media pari a 2.000€ al mese, in un anno si ottengono 26.000€ considerando anche l’erogazione della tredicesima. Secondo il calcolo proposto da Proiezioni di Borsa, i contributi versati ogni anno raggiungono la cifra di 8.580€.

A questo punto, in 20 anni si ottiene un montante contributivo di 171.600€, una cifra che non tiene conto della rivalutazione. Per capire quanto potrebbe valere la pensione a 65 anni di età, occorre tenere in considerazione il coefficiente di trasformazione in pensione, che per questa età è pari al 5,22%. Suddividendo in mensilità la cifra così ottenuta si ricava una pensione di 8.958€ annui, cioè 689€ al mese. Questa cifra è però inferiore al minimo richiesto per accedere al pensionamento, quindi per questa particolare casistica non è possibile andare in pensione con 65 anni di età e 20 di contributi.

Andare in pensione a 66 o 67 anni con 20 di contributi: il calcolo

Ecco come potrebbero cambiare le cose al raggiungimento dei 66 anni di età. In questo nuovo caso, il montante contributivo arriverebbe a 180.180€. Con il coefficiente di trasformazione aumentato al 5,391%, la pensione ammonterebbe a 9.713€ annui e 747€ mensili. Ancora una volta, quindi, verrebbe a mancare l’importo minimo richiesto.

Al raggiungimento dei 67 anni di età, ripetendo il calcolo ma considerando che il coefficiente di trasformazione è pari al 5,575%, su un montante contributivo di 188.760€ si otterrebbe una pensione di 10.523€ annui, 809€ al mese.

Potrebbe interessarti