Programmi TV

Francesco Giorgino, l’addio al Tg1 è ufficiale: come glielo hanno comunicato, “oggetto di valutazione da parte dei miei legali”

È arrivato il comunicato ufficiale da parte della direzione Rai: Francesco Giorgino non sarà più al TG1, per lui è stata considerata una mansione completamente differente.
Francesco Giorgino, l'addio al Tg1 è ufficiale: come glielo hanno comunicato, "oggetto di valutazione da parte dei miei legali"

Monica Maggioni non perdona, e rade al suolo il Tg1 così come lo conoscevamo. La direttrice di Rai1 non ha infatti lasciato finire nel dimenticatoio quanto accaduto un mese fa, quando la sua richiesta ai direttori del Tg1 di occuparsi a rotazione dell’edizione del mattino ed aveva ricevuto, come risposta, un freddo diniego da parte di 3 di loro: Francesco Giorgino, Laura Chimenti ed Emma D’Aquino

Francesco Giorgino lascia il Tg1: il comunicato

Un comunicato diffuso nelle scorse ore ha dimostrato che, quantomeno per Francesco Giorgino, l’avventura al Tg1 lunga 30 anni finisce qui. Giorgino andrà alla direzione editoriale per l’offerta informativa: “Care colleghe e cari colleghi, la direttrice Maggioni ci ha comunicato che dal 14 luglio il vicedirettore Francesco Giorgino andrà alla Direzione editoriale per l’offerta informativa.

 Al collega, che lascia la nostra testata dopo circa 30 anni, gli auguri sinceri di buon lavoro da tutta la redazione e in bocca al lupo per questa nuova esperienza professionale”.

Un gesto emblematico e molto chiaro era stato fatto proprio da Francesco Giorgino, lo scorso 15 giugno: a lui, la notizia della rimozione dall’edizione centrale, era stata data un’ora prima che finisse in onda.

Lui, alla fine dell’edizione del Tg1, aveva salutato il pubblico dicendo “Grazie dell’attenzione e arrivederci a tutti”, per poi spiegare ai giornalisti che avevano chiesto spiegazioni che non poteva dare informazioni riguardo alle decisioni prese.

Che Francesco Giorgino non l’abbia presa bene è ormai cosa risaputa: le modalità con cui è venuto a sapere della rimozione e la rimozione stessa sono stati smacchi difficili da accettare e non si esclude che possa arrivare ad affrontare chi ha preso la decisione passando per vie legali. Ad AdnKronos, dopo il 15 giugno, aveva infatti detto: “La vicenda è oggetto di valutazione da parte dei miei legali”.

Potrebbe interessarti