Gossip

Cristina D’Avena, caos al concerto a Ladispoli: uomo coi genitali di fuori palpeggia le ragazze tra la folla

Nel corso del concerto a Ladispoli un uomo si è aggirato in mezzo al pubblico molestando le ragazze, che non potevano fuggire per via della ressa. Un dramma fortunatamente contenuto.
Cristina D'Avena, il commento: "Un cesso", e la cantante risponde per le rime meravigliando i fan

Nel corso del concerto di Cristina D’Avena tenutosi a Ladispoli ha visto un’episodio increscioso ed estremamente spiacevole svolgersi durante la performance della cantante. Mentre sul palco si cantavano sigle di cartoni animati, tra la folla un uomo si è aggirato, con i genitali di fuori, ed ha molestato diverse ragazze presenti, che a causa dell’assembramento della folla al concerto non avevano neanche la possibilità di sfuggire alle sue angherie.

Fortunatamente l’uomo è stato fermato ed assicurato alla giustizia.

Cristina D’avena, al concerto uomo palpeggia le ragazze: è caos

L’episodio è avvenuto a concerto in corso: un uomo di circa 65 anni, che camminava con i pantaloni aperti ed i genitali esposti, ha cominciato a camminare tra la folla, approfittandone per toccare e palpeggiare alcune ragazze.

Queste, dal canto loro, si sono trovate nella drammatica situazione di non poter sfuggire al suo contatto perché le persone erano talmente ammassate da non permettere a loro di evitarlo. Ad ogni modo le stesse hanno attirato l’attenzione su cosa stava succedendo ed hanno chiamato le forze dell’ordine A quel punto l’uomo, che si è richiuso in fretta i pantaloni e si è rivestito, ha tentato di fuggire: le forze dell’ordine lo hanno però fermato ed è stato arrestato.

Al momento, stando ad alcune fonti, rischierebbe l’accusa di violenza sessuale: risultano elemento chiave le testimonianze rilasciate dalle ragazze. L’uomo ha anche rischiato delle conseguenze fisiche dirette per quanto accaduto: quando le ragazze hanno cominciato a chiedere aiuto e l’individuo è stato visto ed indicato nella folla, molti presenti gli si sono avvicinati non solo allo scopo di fermarne la fuga, ma anche di linciarlo ed aggredirlo. 

Potrebbe interessarti